You are here: /

SYSTEM OF A DOWN: HYPNOTIZE

data

30/12/2005
80


Genere: Soad
Etichetta: Sony/American
Anno: 2005

Con miserabile ritardo anche Hardsounds si occupa della ‘seconda parte’ dell’opera 2005 dei System Of A Down, “Hypnotize”, che segue a distanza di circa sei mesi il buonissimo “Mezmerize”. Che la band sia arrivata a una sorta di capolinea è stato chiaro fin da subito; i System sono ormai affermati, possono permettersi di giocare a piacimento con il sound che loro stessi hanno creato, e possono anche fare a meno di stupire con le loro trovate circensi, se non in minima parte. Difficile quindi aspettarsi un lavoro che si discostasse dallo stesso “Mezmerize”, e come da previsione “Hypnotize” non è nient’altro che una (ottima) prosecuzione complementare del lavoro precedente. Poche le sorprese; la tiratissima opener “Attack”, la schizoide “Vicinity Of Obscenity” e la curiosa “Lonely Day”, una ballad ‘morriseyana’ totalmente affidata alla bella voce di Daron, ormai presente dietro il microfono quasi quanto il buon Serj, se non di più, minutaggio alla mano; effettivamente il simpatico chitarrista si ritaglia uno spazio vocale davvero consistente in tutti i pezzi, smorzando così un altro aspetto che aveva impreziosito “Mezmerize”. Il resto del platter è ben costruito, grazie a brani che vi ritroverete a cantare anche dal dentista come “Dreaming”, “Kill Rock’N Roll”, la suadente title-track, “Stealing Society” o “She’s Like Heroin”. Formalmente siamo quindi davanti al ‘solito’ eccellente lavoro, ed essendo stato concepito in loco con “Mezmerize” ciò era prevedibile. Come detto poco sopra però, i System sono al capolinea. Da qui o si cominciano a fotocopiare gli album, o si trova una nuova strada da percorrere. Insomma il futuro è incerto, ma il presente più roseo che mai, quindi noi per adesso godiamoci “Mezmerize” e “Hypnotize” e lasciamo che un sorriso di soddisfazione ci si stampi in faccia.

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

Lascia un commento

live report

Lita ford slaughter club

LITA FORD
Slaughter Club - Paderno Dugnano (MI)

Corpetto in pelle nera e chitarra (la fedele BC Rich Russian Vodka che è comparsa in molti video clip) a tracolla: nonostante i suoi 62 anni, Lita Ford dimostra una grinta invidiabile, ma soprattutto una gran tenuta fisica e vocale da far invidia anche alle pi...

Jan 29 2020

2015 Webdesigner Francesco Gnarra - Sito Web