You are here: /

SWALLOW THE SUN: Songs From The North I, II, III

data

03/12/2015
70


Genere: Funeral Doom/Death
Etichetta: Century media
Distro:
Anno: 2015

Per festeggiare i 15 anni di carriera gli Swallow The Sun tirano fuori un opera monstre; assenti dalle scene da tre anni, riemergono con un triplo album e conseguente contrattone con la Century Media, dando vita ad una mossa anacronistica nel periodo storico in cui tutto tende ad essere ultraveloce, usa e getta, easy to swallow, senza doverci pensare troppo. Ho volutamente usato la parola ‘monstre’ perché per mandar giù un lavoro che dura quasi due ore e mezza (21 tracce) tutto d’un fiato, ci vuole stomaco, resistenza fisica ed uditiva, ma l’esagerazione a cui mi riferisco è la forza spiazzante di questo lavoro, sembra di aver acquistato tre dischi di tre band diverse. Al classico trademark doom/death melodico/brutale sulla scia dei My Dying Bride - Paradise Lost - Anathema (Cd uno - voto 70, diversi i brani memorabili e devastanti come "Silhouettes", "The Memory Of Light", "Lost & Catatonic" e "From Happiness to Dust" come quelli contenuti nei lavori fino a 'Plague Of Butterflies', fanno da contraltare altre tracce fatte, ma che mancano di cattiveria e di anima oppure usano dei cori spiazzanti, troppo plastificati o patinati - "10 Silver Bullets" o "Rooms and Shadows" - oppure si limitano a riproporre clichè altrui come la dicotomia del growling maschile e clean vocals femminili tanto cari ai Theatre Of Tragedy in "Heartstrings Shattering"), stavolta esagerano in melodrammaticità con ballate acustiche abusate, ridondanti e scontate (cd due - voto 40, si salva solo "Before the Summer Dies" – l’equivalente cinematografico di queste tracce sarebbe Twilight), barcamenandosi tra HIM e Anathema con un cantato molto vicino a Carl Mc Coy (Fields Of The Nephilim), fino a cimentarsi con un genere poco o mai sviluppato: il funeral doom con delle chitarre crushing veramente opprimenti. Il risultato raggiunto nel terzo cd (voto 90) è più lusinghiero ed espressivo di quanto possa immaginarsi, tracce mai scontate, banali o ripetitivamente fini a sè stesse, claustrofobiche, depressive, espressive e sorprendenti per margini di manovra e soluzioni ad effetto, ispirate come i migliori lavori dei Shape Of Despair, Funeral o Skepticism, su tutte "The Clouds Prepare for Battle"; pur considerando i strettissimi canoni che il genere impone. Brutalità e dolcezza (troppa), melodia e parti laceranti sono il loro pane quotidiano, ma l'impressione che lasciano da 'New Moon' in poi è che i finlandesi tendano a commercializzarsi; cercando di rastrellare quanti più fan possibili hanno ammorbidito ed edulcorato il sound; il passaggio alla major Century Media ne è testimonianza.

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

Lascia un commento

live report

Dhoa1

DARK HORIZON OPEN AIR 2020
Gartenfelder Strasse 28 - Spandau, Berlino

Il weekend partito il 10 luglio era stato pensato per il Castle Party di Bolkow (Polonia) che pareva avrebbe avuto luogo nonostante tutta la situazione relativa al coronavirus. Anche il Castle Party ha infine rimandato all'anno prossimo come cosi tanti altri fest...

Jul 22 2020

2015 Webdesigner Francesco Gnarra - Sito Web