You are here: /

STEVE ROTHERY: THE GHOST OF PRIPYAT

data

17/02/2015
78


Genere: Progressive Rock
Etichetta: InsideOut Music
Distro:
Anno: 2015

Steve Rothery è uno di quei pochi, pochissimi chitarristi che ancora sa come far "piangere" la chitarra. Steve ha ovviamente un approccio personale con lo strumento, ed una sensibilità non comune lo contraddistinguono subito non appena ascolti ad "orecchie chiuse" un suo assolo, od un giro armonico. Caratteristiche che hanno tracciato il suo percorso artistico non solo con i Marillion, ma anche quando si è staccato momentaneamente dalla band madre - in merito ci vengono subito in mente i The Wishing Tree, sua creatura con all'attivo due album, il fenomenale 'Carnivals Of Soul' ed il successivo 'Ostara', accompagnato dalla presenza e dalla voce suadenti di Hannah Stobart. Con 'The Ghost of Pripyat' il chitarrista inglese sarebbe in teoria al debutto solista. Un album composto da trame romantiche e da arrangiamenti complessi che rendono il disco tutto meno che scontato. Sul piano esecutivo emerge il lavoro del capitano che gioca per la squadra, chitarra sempre in primo piano, ma sempre al servizio delle canzoni. Condizione un po' anomala per un disco solista di un chitarrista, non certo per Steve il quale punta sempre alla riuscita finale di un brano coinvolgendo tutte le parti in causa. Non a caso il resto della band non è composta da turnisti misconosciuti, ma da ottimi musicisti già impegnati a pieno con le rispettive band d'appartenenza - vedi Leo Parr, Riccardo Romano e via dicendo - che non fanno accademicamente solo da spalla. Non sono da meno neanche gli ospiti, vedi un certo signor Steve Hackett, ed un signorino chiamato Steven Wilson entrambi alla chitarra. Ed in questo tripudio di "Stefani" emerge un album interessante ed ispirato, nato lo scorso autunno prima come autoproduzione e finanziato con crowfunding, ora invece distribuito sotto InsideOut Music, in cui sono diverse le anime che lo compongono, spaziando dal progressive al rock, dal blues ad accenni psichedelici.

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

Lascia un commento

live report

Flyer

GOBLIN REBIRTH
Killjoy - Roma

Assistere ad un concerto il 23 luglio scorso durante il post covid è stato veramente un evento raro per gli amanti della musica. A ciò aggiungasi: locale all'aperto (Killjoy) con tanto di brezzolina rinfrescante, possibilità di cenare grazie ...

Aug 12 2020

2015 Webdesigner Francesco Gnarra - Sito Web