You are here: /

SLAYER: HELL AWAITS

data

21/04/2004
85


Genere: Thrash Metal
Etichetta: Metal Blade
Anno: 1985

Malsano. “Hell Awaits” è un lavoro malsano. Basta premere il play per scoprirsi circondati da uno stuolo di anime dannate che continuano a ripetere il loro mefistofelico invito (nell’intro di “Hell Awaits” è ripetuto più volte “Join Us” al contrario): l’inizio non è certo dei più rassicuranti e il procedere dell’ascolto non fa altro che consolidare il senso di disagio generato dalla musica degli Slayer. L’album è composto da sette brani grezzi la cui anima è un thrash metal tanto scarno quanto tumultuoso, che va diretto al bersaglio senza perdersi in troppi tecnicismi. Dall’opener, che dà il titolo all’album, fino alla conclusiva “Hardening Of The Arteries” è un susseguirsi di angoscia e distruzione, in cui le urla isteriche di Araya spazzano via ogni forma di razionalità e armonia. Spettacolare “Kill Again” coi suoi cambi di tempo imprevedibili e i riff malati della coppia Hanneman-King, ancora una volta sugli scudi grazie ad una performance ineccepibile. Per non parlare dell’imponente muro ritmico eretto dal basso di Araya e dal drumming come sempre perfetto di Dave Lombardo, vero cuore pulsante della band. E non vanno certo dimenticate la sepolcrale “Crypts Of Eternity”, col suo incedere marziale ed oscuro, la visionaria ed inquietante “At Dawn They Sleep”e la maniacale “Necrophiliac”, che grazie ad un riffing strepitoso e ad un testo da incubo, si aggiudica la palma di miglior brano del disco. “Hell Awaits” è un album che mostra già decisi passi in avanti rispetto al debut “Show No Mercy” e che comincia a delineare meglio le caratteristiche di un gruppo che di lì a un anno prenderà il mondo a calci in faccia con un certo “Reign In Blood”…

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

Lascia un commento

live report

Giaa

GOD IS AN ASTRONAUT
Circolo Magnolia, Segrate (MI) - Parco di Villa Ada, Roma - Milano - Roma

Ormai sembra diventata una piacevole abitudine ritrovarsi, a luglio piuttosto inoltrato, tutti insieme a Milano (e più precisamente al Circolo Magnolia) a celebrare le gesta di una tra le post-rock band più significative di tutti i tempi, gli irlandesi ...

Jul 16 2019

2015 Webdesigner Francesco Gnarra - Sito Web