You are here: /

MORTEM: Ravnsvart

data

27/09/2019
80


Genere: Black Metal
Etichetta: Peaceville Records
Distro:
Anno: 2019

Si potrebbe parlare quasi di debutto per i Mortem, data la loro scarsa discografia (un solo demo ‘Slow Death’ del 1989) ma in realtà questa band, formatasi agli albori del black metal, è costituita da artisti veterani, addentro al genere sin dai primi vagiti o, in questo caso, dalle prime urla. La formazione infatti parla da sé: Hellhammer - batteria (Mayhem, Arcturus, Covenant ..), Steinar Sverd Johnsen - Chitarra (Arcturus, Alleanza, Satyricon ..), Marius Vold, Voce (Stigma Diabolicum, Spine, Arcturus) e  Tor R. Stavenes, Basso (1349, Svart Lotus, Den Saakaldte ...), insomma tutti musicisti che ben conoscono questa materia. Con ‘Ravnsvart’ i norvegesi ci riportano indietro di trent’anni, primi anni novanta, giorni in cui il black metal aveva ancora un’accezione, ai più, sconosciuta e la brutalità era la parola d’ordine. I primi due brani, “Ravnsvart” e “Sjelestjeler” sono stilettate fredde e micidiali, all'interno dei quali, una tastiera sottolinea le atmosfere più cupe. In effetti il ruolo delle tastiere è decisivo su questo lavoro, non vi sono svisate o assoli, ma i tappeti sonori e alcune melodie risaltano davvero bene su molti brani; in particolare su “Morkets Monolitter” dove l’organo incede in tutta la sua maestosità, dapprima portandoci in territori più vicini alle sonorità progressive degli Arcturus. I riff di chitarra, da questo brano in poi, assumo tinte più vicine alla band d’avanguardia già citata. Menzione d'obbligo per “Demon Shadow”; la bella articolazione del pezzo, con l’ingresso di un mid-tempo cadenzato e marziale, fregiato di un assolo straniante, approda verso lidi più morbidi con un arpeggio di chitarra pulita, flebile e oscuro per poi ritornare alla marcia iniziale e concludere verso un’ombrosa epicità. L’album si conclude con il pezzo forse più articolato dell’album, “The Core”, che alterna momenti quasi Doom a parti più tirate fino a sensazioni più progressive. La performance di Hellhammer è sicuramente di prestigio, come quella degli altri membri. Un album mai appesantito dalla ripetitività del genere, ma arricchito da un songwriting di grande sapienza e capacità.

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

Lascia un commento

live report

Nile

NILE
Largo Venue - Roma

Chiediamo venia per le altre band che hanno suonato e non troveranno copertura in questo live report ma il ritardo dovuto ad un imprevisto ci ha impedito di presenziare. Club pieno al di sopra di ogni previsione per un concerto estremo (capienza sui 1000 posti e pr...

Oct 5 2019

2015 Webdesigner Francesco Gnarra - Sito Web