You are here: /

MOLOKEN: Unveilance Of Dark Matter

data

04/02/2020
72


Genere: Atmospheric Sludge, Post Hardcore
Etichetta: The Sign Records
Distro: Audioglobe
Anno: 2020

Disagio e straniamento: queste le sensazioni immediate nell’ascoltare il quarto full-length dei Moloken, band scandinava attiva, già da più di un decennio, in ambito estremo. Non possiamo inquadrare la band in un semplicistico stile musicale. Una cosa è certa: ciò che il gruppo vuole comunicare è quanto di più lontano dal facile ascolto. I riff dei brani sono dissonanti, lenti, cadenzati, sempre in disaccordo armonico ma perfettamente integrati fra loro. Un connubio di odio come appare in “Shadowcastle (Pt. I)” opportunamente miscelato e scatenato nelle orecchie dell’ascoltatore indifeso. Lo stile è unico ma possiamo comunque distinguere certe matrici di genere. Il suono molto sporco, fuzzy  e non influenzato da effetti di modulazione, molto asciutto, fa subito pensare allo sludge o all’hardcore, come il brano “Hollow Caress” sul quale le voci puntualizzano le radici dei generi citati. I momenti di riposo sono ben distribuiti in pochi momenti di ripresa all’interno dei brani come in “Venom Love” o tramite interludi strumentali come  “No Ease, No Rest” o “Repressed”. Non mancano certamente influssi più estremi come black, death, doom ma la peculiarità delle composizioni è il tratto progressive e “Lingering Demise” ne è un esempio. Sia ben chiaro, parliamo di progressive contaminato, malato che si rappresenta con cambi di tempo spiazzanti e repentini volutamente cacofonici, mentre arpeggi dissonanti simulano la malattia mentale. Molto interessante il lavoro di basso, in particolare su “Unbearable”, il quale non si comporta mai come strumento esclusivamente ritmico ma costruisce temi, riff, soli, e parti distorte molto caratteristiche. Musica lunatica ed oscura con la necessità di più ascolti approfonditi per poter comprenderla appieno.

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

Lascia un commento

live report

Appunti01

EDITORS
Atlantico - Roma

Fino a metà carriera gli Editors ci avevano abituato ad essere definiti i figli minori dei Joy Division grazie alle sonorità mutuate dalla band di Ian Curtis, dalle quali, già dal 2009 dopo l'uscita di "In This Light and on This Evening&...

Feb 19 2020

2015 Webdesigner Francesco Gnarra - Sito Web