You are here: /

INWARD: RUINS OF INLAND

data

20/06/2008
65


Genere: Death Metal
Etichetta: Aura Mystique Productions
Anno: 2008

Cupezza, solenne oscurità e violenza nel vecchio stile. Questa è l'aura di cui è pervaso il debut album dell'one-man-band Second Spirit (al secolo Karl Dallara), che insieme al collega Jaded Pathseeker ha dato vita al progetto Inward. I trascorsi Black Metal del transalpino sono ben visibili in questo breve album, ed è impossibile non accorgersene dai solenni e marci mid tempos, che fanno da base a quel muro di chitarre aperte e gelide, che costruiscono fraseggi semplici nella loro malvagità, con l'aiuto di sporadici e accennati inserimenti di synth che contribuiscono ancora di più a creare quelle atmosfere grim che tanto d'accordo vanno col rude cantato di Dallara. Ovviamente fraseggi elaborati e passaggi tecnici ve li potete ben scordare: gli Inward sono quanto di più nostalgico ci sia, pertanto tenetevi pronti ad ascoltare un Death metal marcissimo e grezzo, infarcito di elementi Black (o proto-black). Roba d'altri tempi, quindi. Qualche blast beat lo si sente, ogni tanto, ma sono i mid tempos a regnare incontrastati. Ogni tanto qualche guizzo c'è, e in questo senso vorrei citare il multi-tempo di "Born From Pain", aperta da oscure e maestose tastiere e che prosegue in marciume e violenza, alternando galoppate blast beat a brevi mid tempos. Interessante anche la lunga e articolata "Fallen Godman", feroce mazzata intervallata da oscuri e atmosferici synth, che ne smorzano la violenza confendole, però, un'aura oscura e maestosa. Solo cinque tracce, senza contare i due brani strumentali nel finale: la lenta e doomeggiante "Ashes Of Humaity" e l'inquietante arpeggio acustico "...". La produzione non è il massimo, ma credo che anche quei suoni polverosi e poco sfumati rientrino nell'ottica del sound. Che dire, questo disco piacerà ai fan dei Celtic Frost, degli Hellhammer, dei Venom, dei Bolt Thrower e roba simile, ma potrebbe disinteressare tutti gli altri. Rigorosamente old school. P.S. il disco era già stato pubblicato nel 2004 con una copertina diversa per un'etichetta indipendente.

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

Lascia un commento

live report

Festivalsez

DARK HORIZON OPEN AIR II
Museumpark Rudersdorf - Rudersdorf bei Berlin, Brandeburgo

A meno di due mesi dalla prima edizione gli organizzatori del Dark Horizon Open Air decidono di bissare l'evento. Inizialmente addirittura previsto per agosto, è stato poi posticipato per l'indisponibilità del luogo della prima edizione, in proc...

Oct 7 2020

2015 Webdesigner Francesco Gnarra - Sito Web