You are here: /

DELIVERANCE: THE EXECUTIONER

data

21/09/2004
80


Genere: Thrash
Etichetta: Killin' Time
Anno: 2004

In un metallo pesante purtroppo ormai infettato di studio bands, di gruppi costruiti a tavolino, di consulenti d'immagine che s'atteggiano a musicisti, di spadaccini della domenica e di sexy vampirelle, c'è sempre bisogno di bands genuine come i Deliverance, venuti direttamente dalle Marche per portare al mondo il loro thrash metal orgogliosamente demodè, fatto di riffacci acidi, tempi di batteria spaccaossa, azzeccatissime inflessioni melodiche e tanta, tanta voglia di spaccare il culo. E' un tuffo nella Bay Area anni '80 quello che vi aspetta tra i pezzi di "The Executioner", dunque aspettatevi pure corposi rimandi alle band che fecero grande quella scena: Exodus, primi Testament, ma in primis i Metallica di "Ride The Lightning" e "Master Of Puppets", le cui composizioni mai banali eppure pesanti come macigni sembrano la principale influenze nel songwriting dei marchigiani, costantemente in bilico tra sfuriate brutali e tentazioni melodiche ma non troppo. Scordatevi troppe strizzate d'occhio al thrash rimodernato di Pantera e compagnia: qui la velocità è costantemente alta, influenze hardcoreggianti non ce ne sono e il tutto punta più sull'aggressività e sul sound tagliente che sui riff monocordi à la "Far Beyond Driven" che tanto sembrano piacere alle nuove leve di questi tempi... Il punto di forza del lavoro sta a mio avviso nei bellissimi riff della coppia Fermani/Ferracuti, che insieme alla potente sezione ritmica Ricci/Bracciotti creano brani compatti ma mai monotoni, sapendo quando allentare la tensione con bellissime armonie che possono ricordare quanto fatto in campo death metal da Dark Tranquillity & co. La voce di Andrea Fermani è forse l'elemento più deliziosamente ottantiano del tutto: niente virtuosismi, niente growl, semplicemente tanta rabbia vomitata sul microfono come i migliori Chuck Billy e Dave Mustaine dei tempi che furono! Detto questo, è d'obbligo parlare delle canzoni: la title track è un autentica mazzata thrash degna di inni come "Into The Pit" o "Fight Fire With Fire", cattivissima e con cori brutali stile Testament che vi faranno di certo saltare sulla sedia, e la potentissima "Dust Rises High", il più semplice dei brani inclusi ma secondo me il più riuscito, è veramente una bomba atomica di potenza pura! Notevoli sono anche le più melodiche "Last Cross Road" e "We Are Not Who We Are", che mostrano il lato meno stradaiolo dei Deliverance senza per questo risultare banali o eccessivamente distese. Questi due estremi sono ben sintetizzati da due dei più bei brani del lotto, l'ormai storica "Needle Of Pain" e la magnifica "Deliverance", in cui le bellissime ritmiche di chitarra impreziosiscono una struttura rocciosa e devastante donando consistente smalto al tutto. Insomma, "The Executioner" è un disco che magari propone poche cose realmente nuove, ma in fondo, quando la musica è così ben fatta e potente, e quando le canzoni hanno il tiro che meritano, chissenefrega! Con buona pace degli intellettuali dell'ultim'ora secondo cui l'heavy metal è morto e bisogna per forza ricercare nuove sonorità per avere un senso nella scena odierna... credo che i Deliverance saranno felicissimi di dimostrarvi che avete torto!

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

Lascia un commento

live report

Evergrey2

EVERGREY
KB (Kulturbolaget) - Malmö (Svezia)

È pur vero che questa è l'ennesima visita degli Evergrey in città il 28 febbraio scorso (l'ultima risale a meno di un anno fa), ma non esistono scuse per perdersi una data di questo calibro. Si spera sempre che una band di qualità ...

Feb 28 2020

2015 Webdesigner Francesco Gnarra - Sito Web