You are here: /

BORIS: Pink

data

02/02/2010
78


Genere: Stoner
Etichetta: Caroline Third Party
Distro:
Anno: 2005

Finalmente i Boris salutano il 2005 con un disco entusiasmante. Che poi… non è che ci sia tanta scelta, se vediamo che nello stesso anno, sono usciti 4 live albums, 'Dronevil', 'Mabuta No Ura' e un boxset. 'Pink' è un disco variegato, bello tosto, che nel proseguire degli ascolti cresce di qualità, si fa apprezzare, e strizza l’occhio ad un ventaglio musicale che riesce a condensarsi al 100% nella matrice della band. 'Pink' scivola via una bellezza tra brani stoner, come la titletrack, e altri più rozzi, elemento riscontrabile in "Woman On The Screen" e "Nothing Special", due su tutte. A introdurci in questo sporco mondo stoner made in Boris, ci pensa "Farewell", dal forte rimando alla My Bloody Valentine. Inaspettato, il rallentamento da parte di "Afterburner", stacco lento che dimentichiamo subito grazie a brani come "Pseudo-Bread", o "Six-Three Times", che seppur ripetano in un modo o nell’altro la stessa formula dell’intero disco, sono comunque particolari. Brani come questi, così come 'Pink' nella sua interezza, fa carpire al meglio la natura dei Boris come jam-band, trio formidabile nello sfornare canzoni anche solo dopo un take o massimo due. In mezzo al caos, spuntano fuori due tracce particolari, una (purtroppo breve "My Machine", e "Just Abandoned Myself", che sfiora i 18 minuti di durata. Peccato veramente per la prima: vista la natura pazza del gruppo, mi aspettavo più esperimenti, più …musica, ma purtroppo a quasi fine cd, questa strumentale lascia spazio al “solito” pezzo dal sapore stoner, che però nei suoi rimanenti 9 minuti, è tutto un dimenarsi di dilatazioni drone.

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

Lascia un commento

live report

Flyer

GOBLIN REBIRTH
Killjoy - Roma

Assistere ad un concerto il 23 luglio scorso durante il post covid è stato veramente un evento raro per gli amanti della musica. A ciò aggiungasi: locale all'aperto (Killjoy) con tanto di brezzolina rinfrescante, possibilità di cenare grazie ...

Aug 12 2020

2015 Webdesigner Francesco Gnarra - Sito Web