You are here: /

BALANCE OF POWER: HEATHEN MACHINE

data

22/11/2003
78


Genere: Heavy Metal
Etichetta: Massacre
Anno: 2003

Ci sono due importanti novità in questa ultima fatica in studio della band inglese: un indurimento del sound rispetto ai precedenti lavori, e l'avvicendamento di Lance King con John K. Entrambe le novità suscitano un certo interesse perché si tratta di cambiamenti sostanziali che, pur sempre lasciando intatta la vena creativa di matrice classica, rendono riconoscibile il lavoro di Tony Ritchie e compagni. John K. è davvero una scoperta sorprendente, a mio avviso migliore di King soprattutto quando svetta con l'ugola verso le tonalità più alte tanto che farebbe rosicare le unghie anche alla leggenda Tate (che spesso lo ricorda, ma paragone con le dovute differenze). Molto completo, riesce ad interpretare tutte le sfumature dei brani senza sbavature e, soprattutto, senza quasi sforzarsi più di tanto, frutto di una voce impostata ma allo stesso tempo naturale. Il sound è diventato più pesante, sia come concetto in fatto di durezza (la chitarra distorce spesso e volentieri e le ritmiche, anche se ancora una volta Hicks opta per la drum machine pur essendo un batterista "vero", sono più serrate, dirette e martellanti) sia come esasperazione delle atmosfere che si riscontrano nei brani, più aspre e cupe ed incazzate. "The Rising", la song d'apertura, è un buon esempio di come queste novità siano apertamente e volutamente manifestate, cosi come in "Chemical Imbalance", drammatica ed a tratti opprimente. Praticamente i Balance Of Power continuano il loro cammino producendo disco dopo disco uno stile sempre più personale, partito dall'esordio quasi Aor di "When The World Falls Down" fino ad arrivare a questo "Heathen Machine", chiara espressione di come si possa suonare moderni specchiandosi nel tempo in cui si vive ma con l'ombra mai di troppo delle sonorità storiche della scuola hard britannica. Un appunto ed una lode per finire: magari un maggiore sfoggio di melodie avrebbe reso il disco più scorrevole e per certi versi vario e più accattivante. La lode risiede proprio dove riescono nell'intento di conciliare quanto ho evidenziato nell'appunto, cioè in "Wake-Up Call", lunghi otto minuti di cavalcate e melodie e dissonanze e rabbia in cui John K. dà il meglio di se ora sfiorando il cielo, ora volando basso.

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

Lascia un commento

live report

Giaa

GOD IS AN ASTRONAUT
Circolo Magnolia, Segrate (MI) - Parco di Villa Ada, Roma - Milano - Roma

Ormai sembra diventata una piacevole abitudine ritrovarsi, a luglio piuttosto inoltrato, tutti insieme a Milano (e più precisamente al Circolo Magnolia) a celebrare le gesta di una tra le post-rock band più significative di tutti i tempi, gli irlandesi ...

Jul 16 2019

2015 Webdesigner Francesco Gnarra - Sito Web