You are here: /

THY ART IS MURDER: Human Target

data

11/08/2019
75


Genere: Deathcore
Etichetta: Nuclear Blast Records
Distro: Warner
Anno: 2019

È chiaro che il quintetto australiano, devoto al deathcore, vuole espandere le proprie sonorità. Con questo quinto album alzano l'asticella di qualche tacca. Operazione riuscita? In parte sì. ‘Human Target’ è sicuramente un album più spinto rispetto ai suoi predecessori. In particolare i primi cinque brani fanno apprezzare un nuovo modo di concepire i riff, molto orientato verso il death classico e una composizione meno incentrata sui breakdown, o comunque il loro utilizzo è molto più funzionale all'interno dei brani. La title track ha lo scopo di introdurre l’album sia dal punto di vista stilistico/musicale, sia per i contenuti. Le oppressioni sono il tema di questo brano e di tutto l’album. La prima traccia è incentrata su un  tema molto caldo; il traffico di organi in Cina. Si passa subito ad un brano di critica sociale nel vero senso della parola; “New Gods” ha lo scopo di farci aprire gli occhi sulla follia generata dai social media, sulla devozione che milioni di persone hanno per i loro “nuovi dei”. “Death Squad Anthem” supporta i giovani stufi ed a volte rassegnati al sistema sociale. Mentre in “Make America Hate Again” viene ribaltato lo slogan di Trump attaccando l’intero sistema politico, quindi passiamo a “Eternal Suffering”, brano un po’ diverso, ricco di blast-beat e riff dal sapore black metal, un momento più intimo all’interno dell’album, brano che segna la direzione  verso cui  i thy Art Is Murder vogliono andare. Il disco, fino a questo punto, dà il meglio di sé, ma da "Welcome Oblivion" e “Atonement” (brano che analizza brutalmente il tema della violenza sessuale), il ritorno a breakdown e sonorità più deathcore fanno un po’ rallentare l’ascolto. Le tematiche sono sempre ben costruite e di forte impatto; si parla di anti-religione, misantropia e la rappresentazione dell’uomo come “cancro” per il nostro pianeta; vedi "Welcome Oblivion" e  “Eye For An Eye” con qualche piccola incursione nel grind. In ogni caso le performance dei membri sono sempre brillanti in particolare il cantato brutale di CJ McMahon e il bel lavoro di intrecci fra le chitarre. La scelta stilistica di rendere i brani più spinti ma accattivanti è stata sicuramente vincente, se questa modalità avesse permeato l’intero l’album, forse, i Thy Art Is Murder avrebbero raggiunto una vetta inarrivabile per molte altre band, soprattutto in campo estremo. Il loro legame nei confronti del deathcore in alcuni brani è ancora forte, non che sia un male, intendiamoci, ma i clichè legati a questo stile non permettono di evolvere il proprio suono verso nuove direzioni; forse è proprio così che i nostri intendono la musica, un mezzo di critica sociale e strumento per massacrare le coscienze. La prova è il bellissimo lavoro in copertina di Elinar Kantor che, dopo aver letto i testi e ascoltato il disco, ne ha esemplificato chiaramente lo spirito e i contenuti.

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

Lascia un commento

live report

Evergrey2

EVERGREY
KB (Kulturbolaget) - Malmö (Svezia)

È pur vero che questa è l'ennesima visita degli Evergrey in città il 28 febbraio scorso (l'ultima risale a meno di un anno fa), ma non esistono scuse per perdersi una data di questo calibro. Si spera sempre che una band di qualità ...

Mar 30 2020

2015 Webdesigner Francesco Gnarra - Sito Web