You are here: /

THE DREADNOUGHTS: Polka’s Not Dead

data

05/10/2010
80


Genere: Punk Celtic Folk
Etichetta: Stomp
Distro:
Anno: 2010

Grandi. Assurdi. Divertenti. Unici. Il punk celtico folk sta riemergendo dopo un'epoca buia successiva al declino dei Pogues, Levellers oppure gli Stiff Little Fingers. I sei ragazzi canadesi si autocelebrano come il dopo The Real McKenzies, detentori storici del genere nella patria della foglia d'acero. A differenza dei fratelloni McKenzies, i Dreadnoughts sono un attimo più tecnici, a volte meno punk, a volte fin troppo cockney nel cantato. Nella loro estrazione ed attitudine è profonda la presenza di folk eurorpeo, più precisamente ungherese e polacco, molto sangue tzigano deve scorrere nelle loro vene. Avevo già sentito i loro primi due lavori con forse troppa sufficienza, li ricordavo per un loro pezzo che era il titolo più assurdo e spassoso mai sentito: "Mary, The One-Eyed Prostitute, Who Fought The Colossal Squid And Saved U" dell'album 'Legends Never Die' del 2008. Basta l'opener "Cider Road" per farvi ribaltare dalla sedia, uno schiaffo punk condito da fisarmonica e violino. La successiva semi-title track è uno sballo nel più puro spirito folk, un 2/4 mega-polka. Si prosegue con "Gintlemen's Club" la quale parte piano per poi raddoppiare furiosamente, in qualsiasi posto vi troviate pogherete con chi vi è vicino. "Goblin Humppa" si accosta ai cugini metal che rispondono al nome di Korpiklaani anche se qui siamo più baldanzosi e paradossalmente più tecnici ( e anche meno scontati e ripetitivi). Da segnalare tra le altre "Poutine": un gruppo che dedica una canzone al piatto tipico del Quebec, ovviamente cantata per una buona metà in francese, è totalmente instabile di mente. Insomma, questi ragazzotti fanno esaltare anche l'ascoltatore più scettico, mettono di buon'umore, si fanno apprezzare per la varietà del materiale qui proposto e per la voglia di non smettere di ascoltarli. Sono sempre in tour tra Europa e Canada, dalle sagre paesane agli open-air, da bettole di quarta categoria a club raffinati. Gli basta un palco e birra schifosa gratis e a volontà, il loro credo recita così. Gustatevi inoltre i nomi dei protagonisti nello spazio sopra. Sono dei pazzi. Ma proprio bravi.

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

Lascia un commento

live report

Balmsez

BALMORHEA
Wishlist Club - Roma

I Balmorhea sono un sestetto americano formatosi nel 2006 e dedito ad un post rock minimale che, nonostante l’ampia strumentazione, agisce più per sottrazione che per stratificazione del suono. Oltre a chitarra/basso/batteria utilizzano archi, percussi...

Apr 13 2018

2015 Webdesigner Francesco Gnarra - Sito Web