You are here: /

TAROT: CROWS FLY BLACK

data

20/01/2007
73


Genere: Heavy Metal
Etichetta: Nuclear Blast
Anno: 2007

A tre anni di distanza dall’ultima release tornano i Tarot di Marco Hietala con il nuovo album “Crows Fly Black”. La combriccola finlandese, attiva dal lontano 1986, ha visto in questi ultimi anni rallentare i propri ritmi di lavoro per via dei numerosi impegni del proprio frontman con i Nightwish. Ma la collaborazione di quest’ultimo con la rinomata band di Tuomas Holopainen ha dato nuove opportunità ai Tarot come l’importante avvento alla Nuclear Blast, stessa casa discografica dei Nightwish, che evidentemente confida molto nella presenza di Marco all’interno della band per incrementare le vendite. E la buona vecchia Nuclear, sembra averne buoni motivi. La band ha fatto tesoro della propria esperienza sul campo e quanto racchiuso in questo “Crows Fly Black” è la degna rappresentazione del lavoro svolto. Un songwriting nettamente più incisivo rispetto alle precedenti, futili, release ancora portabandiera del trademark tipico della band che questa volta lascia maggiormente spazio alle melodie “spettrali” della voce del proprio singer. Senza gridare al miracolo ci troviamo di fronte ad un buon disco dove le sonorità più Heavy e spigolose delle chitarre di Zachary Hietala si sposano con atmosfere più profonde e cupe capaci di colmare di pathos la scena. Tra i brani cardine di questo platter vi è “Ashes To The Stars”, dominata da un riuscito ritornello che fa capanello a quanto di buono fatto dai musicisti: dalle riuscite parti di batteria di Pecu Cinnari al portante riff di chitarra figlio dei dischi da solista di Dickinson. “Messenger Of Gods”, dominata da un ottimo riff di chitarra, l’aggressiva “Traitor” e il buon groove di “You” fanno da controparte ai riusciti episodi melodici dalla malinconica “Tides”, con la voce di Marco protagonista in tutta la sua bellezza, alla conclusiva “Grey”. Tuttavia i brani su cui lavorare ci sono ancora, pezzi nei quali i Tarot si perdono in ripetizioni e banalità, come su “Howl!”, influendo negativamente sul giudizio finale del disco. Degno di nota il lavoro fatto per le lyrics da parte di Marco con interessanti e cupe introspettive. Per i Tarot, nonostante l’età, questo “Crows Fly Black” è il disco della maturazione o, perlomeno, del definitivo orientamento musicale. Un disco tra più luci che ombre indicato a chi saprà tendere l'orecchio a certe sonorità un pò più ricercate rispetto al solito Heavy Metal.

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

Lascia un commento

live report

Festivalsez

DARK HORIZON OPEN AIR II
Museumpark Rudersdorf - Rudersdorf bei Berlin, Brandeburgo

A meno di due mesi dalla prima edizione gli organizzatori del Dark Horizon Open Air decidono di bissare l'evento. Inizialmente addirittura previsto per agosto, è stato poi posticipato per l'indisponibilità del luogo della prima edizione, in proc...

Oct 7 2020

2015 Webdesigner Francesco Gnarra - Sito Web