You are here: /

TAILGUNNER: Guns For Hire

data

06/10/2023
67


Genere: Heavy Metal
Etichetta: Fireflash Records
Distro:
Anno: 2023

"La più grande rivelazione del metal britannico da quindici anni a questa parte". Si utilizzano parole grosse in giro per il web per definire questi anglosassoni. Anche il bassista e leader Thomas Hewson non manca di ambizione nel momento in cui dichiara che l'obbiettivo era "mettere insieme la band heavy metal definitiva". Il nome della band così come l'apertura del primo brano "Shadows Of War" (che ricorda quello di "Moonchild") sono due indizi che indicano come fonte di ispirazione i connazionali Iron Maiden, dato confermato dalla band stessa. In particolare il chitarrismo richiama quello dei primi due album dei loro più celebri connazionali. Certi caratteri power/speed rendono tuttavia i primi Helloween e similia la fonte di ispirazione più rilevante. Non manca qualche momento più melodico come "Revolution Scream" in cui ci si trova a pensare a certo power metal europeo, a la Stratovarius per intenderci. Ma il lavoro è eminentemente retrò e apologetico nelle intenzioni, come è evidente anche dalle note che lo accompagnano, e in questo senso sono in ritardo di cinque lustri su una band come gli Hammerfall, altra formazione a cui ci si può riferire per un paragone. "Crashdive" e "Blood For Blood" sono esempi in questo senso, con cori un po' troppo banali per il bene dei brani. A dispetto della citazione  roboante ad inizio recensione, questo è un album decoroso e niente più. Laddove i nostri ci mettono un po' più di energia come in "New Horizons" si può essere tentati di dare un giudizio un po' più generoso, ma ci sono almeno altrettanti momenti che, pur non essendo disprezzabili, sono un po' sotto la media piuttosto che il contrario. Anche la prestazione vocale è discreta. Esula da tutto questo discorso l'ultima traccia "Rebirth" che, con i suoi nove minuti, dà alla band modo di mostrare di avere capacità compositive superiori a quanto mostrato fino a quel momento, pur restando pienamente nel solco del genere tradizionale proposto. Da rivedere in lavori futuri, per chiarire se la band si accontenterà di rendere omaggio ai grandi che li hanno preceduti, o se oseranno/avranno la capacità di tirare fuori qualcosa di più. 

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

Lascia un commento

live report

Dsf

THE DARK STORM FESTIVAL
Stadthalle - Chemnitz

Il Dark Storm Festival è giunto alla 25esima edizione. Partito come una manifestazione itinerante (prima edizione del 1997 divisa fra un giorno a Berlino e uno a Chemnitz) che ha avuto il suo picco nell'anno 2000 con ben sei giornate in sei localit&agrav...

Jan 13 2024

2015 Webdesigner Francesco Gnarra - Sito Web