You are here: /

SUICIDE SILENCE: THE BLACK CROWN

data

25/07/2011
82


Genere: Deathcore
Etichetta: Century Media
Distro: EMI
Anno: 2011

Il terzo disco della carriera è spesso determinante, dicono, per confermare/smentire eventuali fan e detrattori, e soprattutto per raggiungere maturità artistica e consapevolezza dei propri mezzi. Nel caso dei Suicide Silence, tutti questi elementi sono esasperati dal fatto che la band californiana, in pochissimi anni, è riuscita ad accumulare un numerossisimo manipolo di fan, e di altrettanti detrattori. Accusati dai più di essere la solita band deathcore macchina da merch (vero), idolatrati da altri ancora come 'il futuro del death metal' (vero pure questo), i nostri sono riusciti a mettersi pericolosamente in bilico col secondo album 'No Time To Bleed', che se eccelleva nel bastonare l'ascoltatore e ribadire la caratura di deathcore kings, faceva presagire una fine decisamente prematura. Ecco perchè 'The Black Crown' era atteso da chiunque, per finalmente applaudire in maniera convincente o tirare le uova marce. Il sottoscritto, che ha sempre amato la band, era a dir poco scettico. Ecco, sono stato smentito. Perchè 'The Black Crown' finalmente riesce a far convivere le tre anime che stanno alla base della band, ma che finora avevano faticato a venire fuori, ovverosia death metal purissimo, metalcore a base di breakdown e...nu metal (ascoltatevi "O.C.D.", o "Human Violence"). Pezzi maiuscoli come "You Only Live Once", "Fuck Everything", "Cancerous Skies" (forse il miglior brano mai scritto dalla band), o le sorprendenti "Smashed" e "Witness The Addiction", la prima con Frank Mullen dei Suffocation e la seconda con Jonathan Davis dei Korn (!). Insomma, maturità artistica? Assolutamente si.

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

Lascia un commento

live report

Flyer

GOBLIN REBIRTH
Killjoy - Roma

Assistere ad un concerto il 23 luglio scorso durante il post covid è stato veramente un evento raro per gli amanti della musica. A ciò aggiungasi: locale all'aperto (Killjoy) con tanto di brezzolina rinfrescante, possibilità di cenare grazie ...

Aug 12 2020