You are here: /

SONS OF APOLLO: MMXX

data

21/01/2020
82


Genere: Progressive Metal
Etichetta: Inside Out Music
Distro: Sony
Anno: MMXX

Tornano i Sons Of Apollo, all star band composta da Mike Portnoy (Dream Theater e Winery Dogs ed altri), Billy Sheehan (Mr. Big e Winery Dogs), Derek Sherinian (Dream Theater e Planet X), Jeff Scott Soto (Malmsteen e Talisman) e Bumblefoot (Guns’n’Roses), a soli due anni dall’esordio ‘Psychotic Symphony’ e ad uno da 'Live With The Plovdiv Psychotic Symphony'. Non basterebbero mille righe per scrivere le note biografiche di questi attivissimi cinque mostri sacri i cui curriculum potrebbero riempire un tomo della Treccani, quindi passiamo direttamente all’analisi di questo disco. Le coordinate sonore di ‘MMXX’ non si discostano da quelle del suo predecessore e restano ancorate ad un robusto metal progressive, reso ancor più aggressivo dalla voce potente e oscura di Soto che, ancora una volta, fornisce una prova sublime. E’ quasi superfluo sottolineare come gli standard compositivi siano altissimi e come il tutto sia suonato divinamente, e non potrebbe essere altrimenti. La opener "Goodbye Divinity" è sicuramente una delle tracce migliori (non a caso scelta come singolo), insieme a "Asphyxiation", "Fall To Ascend" e la conclusiva "New World Today". L’unico passo falso è, e mi duole dirlo, la ballad "Desolate July" dedicata allo scomparso David Z, loro grande amico. Purtroppo si tratta di un pezzo un po' scontato e banale, fin dalla sua introduzione con le campane a morto. A parte questo piccolo passaggio a vuoto, si tratta di un ottimo album a cui però, volendo trovare il pelo nell’uovo, manca coraggio. Perché da cinque fuoriclasse del rispettivo strumento e di songwriting, mi aspetterei qualche azzardo ed esperimento in più. E invece questo ‘MMXX’ è un bellissimo, ma ‘canonico’ disco di metal progressive che non aggiunge nulla di nuovo ad un genere che, per definizione, dovrebbe progredire e muoversi sempre e che invece si trova in una fase piuttosto stagnante. Spero vivamente che dal prossimo album il quintetto americano inizi ad osare di più ed esca da sentieri già abbondantemente battuti.

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

Lascia un commento

live report

Evergrey2

EVERGREY
KB (Kulturbolaget) - Malmö (Svezia)

È pur vero che questa è l'ennesima visita degli Evergrey in città il 28 febbraio scorso (l'ultima risale a meno di un anno fa), ma non esistono scuse per perdersi una data di questo calibro. Si spera sempre che una band di qualità ...

Mar 30 2020

2015 Webdesigner Francesco Gnarra - Sito Web