You are here: /

OLD MAN'S CELLAR: Damaged Pearls

data

30/01/2014
75


Genere: AOR
Etichetta: Valery Records
Distro:
Anno: 2013

Tra una sorsata di Lambrusco e l'altra cerca di crearsi spazio nel panorama rock nazionale questo quintetto che mostra di aver fatto passi avanti notevoli rispetto al discreto, ma nulla più Ep di esordio. L'Italia, lo sappiamo, non è mai stata una terra in cui il rock melodico è riuscito ad attecchire più di tanto, ma non sono comunque mancati musicisti di che hanno cercato di portare avanti le loro idee con grande passione e convinzione a partire dagli anni '80 (vengono subito in mente i pionieri Elektradrive), fino ai giorni nostri con esponenti di notevole caratura come Charming Grace, Myland e Lionsville, giusto per citare i più emblematici, a cui potrebbero affiancarsi oggi proprio gli Old Man's Cellar. Già ascoltando l'opener title-track dall'impronta muscolare si intuisce che i nostri hanno stoffa e una preparazione tecnica non indifferente con la voce di Riccardo Dalla Costa molto ben impostata e dotata di un certo carisma, mentre in "Amber Lights" e nella successsiva "HyperLove" cominciano a prendere corpo grazie a tastiere dal tocco vellutato sonorità squisitamente Aor. Ma è l'insieme del lavoro, da ascoltarsi tutto di un fiato perchè riesce a mantenere con costanza le naturali caratteristiche di orecchiabilità, a rendersi veramente molto interessante, alternando brani dal ritmo vivace ("The Years We Challenge" e la conclusiva "Undress Me Fast") con soluzioni all'insegna di una certa raffinatezza stilistica ("Don't Care What's Next", dall'incipit delicatamente elettronico) e a ballads di tutto rispetto come "Is This the Highest Wave?" con il piano in evidenza e l'acustica "Still at Heart" dai toni un po' più intimisti, non dissimile a quanto hanno proposto in passato gruppi come Extreme.

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

Lascia un commento

live report

Meshuggah

MESHUGGAH
Orion Club - Ciampino (Roma)

Gli inventori del djent metal finalmente vengono a sversare la loro furia iconoclasta e corrosiva nella capitale - 19 giugno scorso. Il fine settimana che ha preceduto il live degli svedesi è stato uno dei più impegnativi economicamente e logisticamente...

Jul 6 2018

2015 Webdesigner Francesco Gnarra - Sito Web