You are here: /

NIRNAETH: The Extinction Generation

data

18/05/2018
74


Genere: Thrash Metal, Speed Metal
Etichetta: Unsigned
Distro: GT Music
Anno: 2015-2018

Uscito per la prima volta in digitale nel 2015, questo lavoro è rimasto vittima di problemi di distribuzione e di instabilità di formazione che ne hanno ritardato l'uscita fino ad oggi. Trattasi di un full-lenght composto di materiale di età molto diversa. Come si evince dalle note che accompagnano il cd pervenutoci, siamo di fronte a cinque pezzi storici, cioè eseguiti dal vivo da ormai un paio di decadi, quattro pezzi nuovi, una cover dei Ramones e quattro brani rimasterizzati dei primi anni 90. Il genere di lavoro già di per se prepara a trovarsi di fronte a materiale eterogeneo, e cosi è nei fatti. Le prime due tracce suscitano subito entusiasmo, sia la piu diretta "We Forget To Think" che la lunga e composita "Moby Dick", cantata in italiano con liriche insolite e molto adatte al genere: un thrash tecnico e anticonvenzionale che meriterebbe decisamente miglior fortuna. Il terzo e il quarto brano pur non reggendo il confronto con i precendenti (mancano della progressività dei primi e rimandano, oltre che alla matrice thrash dominante, a certo metal priestiano o addirittura con echi NWOBHM), risultano gradevoli e non si allontanano troppo dalle vette compositive dei Nirnaeth che, vedremo, parrebbero risiedere nei primi due brani. La cover dei Ramones risulta trascurabile e datata esattamente come i suoi autori. Tracce come "A Fatal Blame" e "A Better Revolution" soffrono eccessivamente di un certo gusto retrò, che allontana i nostri dal loro personale approccio al thrash e risultano troppo debitori dell´eredità NWOBHM/Judas Priest. Il lavoro sale di tono negli utlmi tre brani, in cui ciò che i Nirnaeth fanno meglio (se non si era capito: suonare thrash) ridiventa preponderante. Non siamo all´entusiasmente livello del principio di questo lavoro ma il sound, influenzato in particolare dagli Exodus, convince. Nel complesso un lavoro positivo, e i brani migliori invoglierebbero ad essere generosi col punteggio. La qualità, probabilmente anche a causa della notevolmente diversa età dei brani, è piuttosto varia ed è un peccato che non tutto sia all´altezza delle parti migliori. I brani rimasterizzati, che chiudono questa opera portandola a ben 14 brani, risentono della loro età e dovrebbero essere visti piu come una curiosità (o appunto un bonus) che non come un fattore dirimente per la valutazione. 

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

Lascia un commento

live report

Festivalsez

DARK HORIZON OPEN AIR II
Museumpark Rudersdorf - Rudersdorf bei Berlin, Brandeburgo

A meno di due mesi dalla prima edizione gli organizzatori del Dark Horizon Open Air decidono di bissare l'evento. Inizialmente addirittura previsto per agosto, è stato poi posticipato per l'indisponibilità del luogo della prima edizione, in proc...

Oct 7 2020

2015 Webdesigner Francesco Gnarra - Sito Web