You are here: /

KING'S X: OGRE TONES

data

10/10/2005
82


Genere: Rock
Etichetta: Inside Out
Anno: 2005

Quando si parla dei King's X, seppur del loro indiscutibile genio, si rischia spesso di cadere nei clichè di definizioni che paradossalmente li hanno consacrati negli anni addietro. Hard rock di stampo beatlesiano? Rock e blues ed idee sempre a portata di spartito? Innovatori, precursori di un modo nuovo ma vecchio di intendere il rock? Dopo il mastodontico doppio live dello scorso anno, è come se la band avesse azzerato i conti con il passato, e pur continuando a guardarsi indietro, il trio texano diventa più moderno ed abbozza melodie che definire dal taglio "pop" coevo non è certo un azzardo. Un ritorno in grande stile ai primi lavori, ma con un vestito nuovo, lucido, luminoso, che sa bene come sfilare tra l'accozzaglia rockettara fine a se stessa e guadagnarsi appellativi e superlativi di prima scelta. Quindi, come la mettiamo? Come definire "Ogre Tones"? Semplicemente, un disco dinamico, composizioni brevi e d'impatto che girano attorno alle evoluzioni della sei corde di Ty Tabor, ed alla sempre persuasiva e magnetica voce di Pinnick. Con dietro la consolle quel mostro della produzione di Michael Wagener, i brani si susseguono con incedere tagliente, spigoloso, ma armonici e dal facile riscontro melodico e, squillino le trombe, con un pezzo come "Bepop", capace di stravolgere le coordinate stesse della band, e che forse verrà riscritto con la stessa naturalezza, ironia e talento in qualche secolo assai lontano. Probabilmente, in una loro futura reincarnazione, perchè i King's X sono i King's X e nessun altro. E questo "Ogre Tones" si piazza tra le uscite migliori dell'anno, tra le migliori della discografia della band.
Semplicemente, un gran disco.

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

Lascia un commento

live report

Giaa

GOD IS AN ASTRONAUT
Circolo Magnolia, Segrate (MI) - Parco di Villa Ada, Roma - Milano - Roma

Ormai sembra diventata una piacevole abitudine ritrovarsi, a luglio piuttosto inoltrato, tutti insieme a Milano (e più precisamente al Circolo Magnolia) a celebrare le gesta di una tra le post-rock band più significative di tutti i tempi, gli irlandesi ...

Jul 16 2019