You are here: /

DREAM THEATER: Distance Over Time

data

26/02/2019
80


Genere: Prog Metal
Etichetta: InsideOut Music
Distro: Sony
Anno: 2019

Finalmente, dopo lo scandalosamente noioso ed inascoltabile 'The Astonishing', i Dream Theater si riprendono e tirano fuori un album più che decente; e siamo franchi: era proprio ora. Se è vero che come gruppo sono sempre stati indulgenti, certo non potevano continuare sulla strada ultimamente percorsa. Troppo pretensiosa anche per loro. Di Hans Zimmer ne esiste solo uno, per dire. Nonostante abbia sempre amato Mangini come batterista, con i Dream Theater non ha mai combinato granché, impegnandosi più che altro a tenere il tempo. Considerando quanto tecnicamente sia eccelso, e quanto sia di gran lunga superiore a Portnoy, gli è sempre mancato qualcosa che lo facesse spiccare nel mezzo di quel tappeto sonoro. Tuttavia, 'in Distance Over Time' Mangini ha finalmente deciso (o hanno deciso gli altri di lasciarglielo fare...) di assumere il controllo del suo sound, e finalmente ha alzato il volume e tirato fuori le palle. E secondo me questo è stato l’elemento che ha salvato l’album e lo rende piuttosto godibile. In fatto di brani, i tre singoli fatti uscire in anteprima, "Untethered Angel", "Fall Into Light" e "Paralyzed" sono tipicamente canzoni dei Dream Theater, ma a mia modesta opinione non i migliori dato che risultano quelli più scontati e prevedibili. Una volta arrivati a "Barstool Warrior" e "Room 137", le cose cominciano a farsi interessanti. Comincia ad uscire la potenza nei riff di Petrucci e Mangini mette il turbo. Jordan Rudess finalmente si masturba di meno sulle tastiere, e per una volta nella sua vita le usa per rinvigorire la struttura musicale con eleganza e passaggi eterei. Chiudono l’album "Pale Blue Dot" e "Viper King", brani cerebralmente interessanti e piacevoli da ascoltare; cattiveria a sette corde ed incastri alla Meshuggah, ma con tastiere che ricordano i migliori Pagan’s Mind. In definitiva, decisamente l’album migliore dell’era Mangini. Il che non è affatto poco...

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

Lascia un commento

live report

Flyer

GOBLIN REBIRTH
Killjoy - Roma

Assistere ad un concerto il 23 luglio scorso durante il post covid è stato veramente un evento raro per gli amanti della musica. A ciò aggiungasi: locale all'aperto (Killjoy) con tanto di brezzolina rinfrescante, possibilità di cenare grazie ...

Aug 12 2020

2015 Webdesigner Francesco Gnarra - Sito Web