You are here: /

DIE KRUPPS: Vision 2020 Vision

data

03/12/2019
70


Genere: Industrial Rock, Metal
Etichetta: SPV/Steamhammer
Distro:
Anno: 2019

Va bene, bisogna che il sottoscritto lo ammetta: l’hype per un nuovo lavoro dei Krupps era bello alto. ‘The Machinists of Joy’ è uno di quei lavori che difficilmente possono essere replicati. Dopo un tale capolavoro dell’Industial (Rock? Metal? EBM? Fate voi…) le aspettative erano molto alte, e ci duole ammetterlo solo in parte ripagate. ‘Vision 2020 Vision’ è un concept album che racconta l’odierna alienazione causata dalle sempre più evidenti distorsioni del capitalismo, i nuovi e vecchi media, le guerre e la violenza urbana. Insomma, praticamente l’apertura di un TG. Musicalmente siamo su lidi più classici, un industrial rock/metal molto classico, teutonico, quadrato. Praticamente la descrizione della title track, aggiungendoci un assolo di chitarra molto classico, ottantiano e un lavoro eccezionale ai synth, come sempre. “Welcome to the Blackout” suona molto Krupps anni 90/2000, con un feel molto Neue Deutsche Haerte, che i fan dei Rammstein adoreranno. Fa strano constatare che i Krupps abbiano deciso di spostarsi molto più sul “catchy”, rispetto ai soliti lavori, riuscendoci a volte (“Allies”, “DestiNation Doomsday” - al limite del tributo/plagio ai Rammstein – “Extincion Time”), e altre no (“Trigger Warning”, “Fuck you”). Momenti puramente industrial un po’ scarseggiano, fatta eccezione per l’ottimo lavoro ai synth di “Allies”e “Wolfen (Her Pack)”, che riecheggia molto i Nine Inch Nails e i Ministry. Ottima prova dell’inossidabile Engler qui. Non male “Obacht” e anche la cover dei Genesis “Carpet Crawlers”, ma questi non sono decisamente i Krupps che il sottoscritto ha apprezzato nel corso della loro lunga carriera. Un buon album industrial, ma non certo ciò che ci si aspettava dopo gli ultimi due lavori. Peccato.

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

Lascia un commento

live report

Col

CULT OF LUNA + BRUTUS + A.A. WILLIAMS
Alcatraz - Milano

Sarebbe stato a dir poco entusiasmante poter assistere ad un live dei Cult of Luna assieme a Julie Christmas, i quali hanno costruito insieme quel gioiello che è stato l’album ‘Mariner’. Purtroppo, questa collaborazione si è tradotta i...

Dec 6 2019

2015 Webdesigner Francesco Gnarra - Sito Web