You are here: /

AZUSA: Heavy Yoke

data

29/01/2019
65


Genere: Prog Metal, Mathcore
Etichetta: Indie Recordings
Distro:
Anno: 2018

La presenza di alcuni componenti degli Extol, Christer Espevoll e David Husvik e Liam Wilson ex dei The Dilllinger Escape Plan è già di per sé premessa di cosa possa esserci all’interno di 'Heavy Yoke', prima uscita discografica degli Azusa. Il progetto vede inoltre alla voce Eleni Zafiriadou, artista attiva in alcuni progetti lontani dal concetto di metal, a metà tra il folk e la sperimentazione più pura. Nel contesto attuale, la cantante lascia libero sfogo al suo lato più estremo, liberando di sé l’anima core, per poi trasportarci in un onirico viaggio tra melodie e richiami al rock e al pop. Il sound è all’impatto frastornante, lasciandoci sbigottiti per cambi di tempi, follia e divagazioni in stile math-core. Il punto è che poi, a conti fatti, non c’è niente di davvero nuovo. La destrutturazione e la libertà espressiva diventano a tratti mero esercizio virtuoso, come purtroppo a volte accade in questi “super gruppi”; si perde di vista l’espressività e il sentimento, così che si finisce con l’estremizzare e forzare gestualità che diventano artefatte. L’istrionica interpretazione della band, con il perdurare dell’album, cade nello strapiombo di una banalità fatta di squilibri. Sembra che per forza si debba superare un limite che non si riesce però a vedere, manierismo che lascia perplessi e che sminuisce il talento innegabile degli Azusa. Vedremo se questo sodalizio continuerà e se prenderà forma come vera e propria band. Oggi ci sembra che ognuno vada un po’ per la sua strada, volendo più lodare se stesso che essere al servizio della band. Non vogliamo sminuire l’attitudine, ma l’esasperazione a cui i brani sono spinti, singoli interpreti il cui sodalizio musicale non trova comuni intenti.

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

Lascia un commento

live report

Giaa

GOD IS AN ASTRONAUT
Circolo Magnolia, Segrate (MI) - Parco di Villa Ada, Roma - Milano - Roma

Ormai sembra diventata una piacevole abitudine ritrovarsi, a luglio piuttosto inoltrato, tutti insieme a Milano (e più precisamente al Circolo Magnolia) a celebrare le gesta di una tra le post-rock band più significative di tutti i tempi, gli irlandesi ...

Jul 16 2019

2015 Webdesigner Francesco Gnarra - Sito Web