You are here: /

AXXIS: TIME MACHINE

data

09/01/2004
79


Genere: Heavy Rock
Etichetta: AFM/Audioglobe
Anno: 2004

Non posso esimermi dal dire di essere rimasto estremamente deluso dopo il primo ascolto dedicato al nuovo cd dei teutonici Axxis, band fedele come poche altre ad un trademark che, nonostante un'evidente evoluzione avvenuta nel corso degli anni, è rimasto ben definito e facilmente riconoscibile per tutti i coloro che hanno avuto a che fare, almeno per una volta, con tale proposta musicale. Questa volta però, dopo aver posto il cd nel lettore e aver premuto il tasto play, cosa accade? Una roboante doppia cassa di stampo prettamente power, sorretta da cori e seconde voci oramai onnipresenti nel genere in questione, hanno subito insinuato una notevole indisposizione nel mio stato di apprezzamento, anche perché ero oramai convinto di essere di fronte all'ennesimo gruppo voltagabbana. Eppure, nonostante ciò, la regola d'oro del buon recensore mi ha portato a riascoltare questo album più e più volte, e volete sapere cosa ne penso ora? Penso che "Time Machine" sia un lavoro dannatamente riuscito e accattivante, e questo anche grazie a quelle brevi scampagnate all'interno di territori non propriamente hard-rock, che hanno gettato un po' di aria fresca nello statico scacchiere della musica di Weiss e soci. Una prima parte con chiari riferimenti al power dei connazionali Helloween viene infatti completata da una serie di tracce in classico Axxis-style, tra le quali rivediamo tornare in voga anche elementi assolutamente melodici (come la traccia "Dance In The Starlight"), già accennati ai tempi di "Big Thrill". La formazione che ha eseguito gli undici pezzi (dodici per la versione in digipack) è rimasta invariata, ad eccezione dello scomparso batterista Richard Michalski, che svanito nel nulla nonostante diverse ricerche investigative da parte della polizia è stato sostituito, per le registrazioni, dal drummer dei Pink Cream 69 Kosta Zafiriou. Una convincente nuova uscita, quindi, per i paladini dell'hard-rock di matrice germanica, bravi solo a ripetersi pedissequamente per molti, e invece attenti a non fuorviare dalle proprie coordinate musicali per quanto riguarda il sottoscritto, che altro non aspettava dal ritorno del quartetto tedesco se non un album nel loro stile più vero. Complimenti ragazzi, soprattutto alla faccia di chi vuole la novità a tutti i costi.

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

Lascia un commento

live report

Appunti01

EDITORS
Atlantico - Roma

Fino a metà carriera gli Editors ci avevano abituato ad essere definiti i figli minori dei Joy Division grazie alle sonorità mutuate dalla band di Ian Curtis, dalle quali, già dal 2009 dopo l'uscita di "In This Light and on This Evening&...

Feb 19 2020

2015 Webdesigner Francesco Gnarra - Sito Web