You are here: /

1914: The Blind Leading The Blind

data

06/03/2019
80


Genere: Black Metal, Death Metal, Doom Metal
Etichetta: Archaic Sound
Distro:
Anno: 2018

Guerra di trincea, metro guadagnato con sudore, scavato tra le lacrime e il sangue di estenuanti fatiche. Mani contratte di morte, sopravvivenza strappata per pochi centimetri o attimi. Così, la prima guerra mondiale e i conflitti, vengono raccontati dalla distruttiva seconda fatica in studio degli Ucraini 1914. La band lascia da parte alcune ambientazioni sludge, a favore di un death black metal furioso, scandito dal battito di cuore lento ed epico del doom. Fotografia sbiadita, opachi pensieri che si traducono nel voler restare in vita. Tutto si semplifica, paura, controllo e poi un colpo, in cui ricordi e sentimenti passano davanti agli occhi. Attimi ingranditi, sviscerati e focalizzati da The Blind Leading The Blind, intenso concentrato di macinante aggressività. Truppa che avanza, zolle di terra che si staccano e mostrano macchie di sangue già stantio. Tutto si ripete, marcia che finisce in tragedia, esaltazione che si perde in una luce negli occhi morentI. Disco intenso, che rende perfettamente l’idea di queste tematiche, cingoli che si arrestano, fuoco incrociato e poi afflizione. Possiamo azzardarci a dirvi che si rivive quella seria contemplazione e vigore dei Bolt Thrower, chiaramente in una chiave diversa e personale. I 1914 presentano anche istanti di riflessività, traumi che lasciano ciatrici,melodia e poi una somma di connotati death, black e doom che, nei crescendo di chitarra, riportano a un epico concetto di sound e di guerra. Non sentiamo però alcuna cieca esaltazione, situazione  vissuta, talvolta pregna di un’angoscia che sublima in freddezza e coscienza. Full-legth che ci porta indietro nel tempo, prendendo l’ancestrale essenza della nera fiamma e avvolgendo il gelido vento di morte alla monolitica e solenne sostanza del doom. Passo dopo passo, respiro dopo respiro, faticosamente avanziamo, affondando in una fango che odora di pena, il quale però non riesce a fagocitarci. Lo spirito non ha catene che lo possano affliggere, amarezza che scompare, così da assaporare il terso spicchio di cielo, consci di aver la vita sospesa ad un filo. Complimenti a 1914, project che ci proietta tra sibili di pallottole, urla e timori, senza perdere di vista la profondità dell’animo umano. Nessuna rivoluzione stilistica o avanguardismo, ma l’intensità e la forza prodotti dalla band restano unici.

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

Lascia un commento

live report

Vnv2

VNV NATION
Largo Venue - Roma

Quasi 30 anni di carriera e la band anglo-irlandese è ancora attivamente on the road; le tracce del nuovo 'Noire', targato 2018, dimostrano che sono anche in grande spolvero a livello di songwriting (hanno incupito il sound donandogli maggiore cattiver...

Mar 13 2019

2015 Webdesigner Francesco Gnarra - Sito Web