You are here: /

Gian Paolo Bissolino: KISS - WELCOME TO THE SHOW

22

"I Kiss ti entrano nel sangue...", questa frase compare nella prefazione di questo libro scritta da Barbara Caserta, "la kissomane n.1 al mondo" come viene descritta, ed è la più giusta definizione per capire l'amore per la band americana che i suoi devotissimi fans tributano da oramai quarant'anni! In questo libro scritto a sei mani da Gian Paolo Bissolino che si é unito a Marco Gamba ed Enrico Sturaro che avevano già iniziato a scrivere, vengono sviscerate dapprima la loro storia in maniera molto dettagliata, dagli inizi di Chaim Witz, vero nome di Gene Simmons e di Stanley Harvey Eisen, vero nome di Paul Stanley, entrambi di origine ebrea che sgomitano per farsi largo con un gruppo rock che già doveva essere meglio degli altri con la caparbietà che tuttora li contraddistingue, reclutando George Peter John Criscuola ovvero Peter Criss, chiedendogli di tagliare gli improbabili baffi che portava e Paul Daniel Frehley, ossia Ace, a causa della sua propensione verso il gentil sesso, che spavaldo scalza il quasi assunto Bob Kulick, fino al boom di vendite di 'Alive', le bizze di Ace e la tossicodipendenza di Peter, le smanie da attore di Gene, l'arrivo del povero Paul Charles Caravello, ossia Eric carr e poi di Vincent Cusano, ossia Vinnie Vincent, il passaggio al look naturale, gli altri due chitarristi, l'altrettanto sfortunato Mark Norton ribattezzato Mark St.John e Bruce Kulick, la virata verso l'hair metal ed il conseguente disinteresse dei die-hard fans. Poi si passa all'arrivo forzato di Eric Singer alla batteria e la nuova svolta, prima acustica poi più rock, grazie al riavvicinamento ed al conseguente rientro, anche se solo come stipendiati (!) di Ace E Peter, il ritorno al make-up, gli incredibili concerti di questa irripetibile line up e l'arrivo ai giorni nostri, con Tommy Thayer ed Eric Singer, che prendono le sembianze di Spaceman e The Cat. La seconda parte descrive per filo e per segno tutte le tournee ed i concerti più memorabili, come quello di Rio De Janeiro nel 1982 di fronte a 137000 fans, ma anche i più desolanti, come quello dello stesso tour a Lexington di fronte a soli 2500 spettatori, con tanto di incidenti vari a causa dei pyros e tutte le diavolerie inventate per il palco sempre più imponente, il tutto descritto con una minuzia e perizia fuori dal comune: nomi, inizio e fine dei tours, locations, gruppi di supporto, costumi usati e tutti i luoghi in cui "the hottest band in the world" ha suonato. Infine viene analizzata l'interminabile discografia e videografia, fatta di diciannove album in studio, cinque album live, compilations con inediti e non, sei video live con tutte le cifre di vendita e tanta altra roba da perdersi! Ogni disco è commentato da un componente della band, inoltre è descritta in maniera maniacale anche la più remota partecipazione esterna. All'interno c'è un inserto di otto pagine con bellissime foto a colori, mentre lungo tutto l'arco dell'opera ci sono foto più o meno rare in bianco e nero, locandine di tour e presentazioni di album, insomma un'opera monumentale per chiunque voglia conoscere storia e vicissitudini di una delle più grandi hard rock band di sempre, con la tenacia di Paul a tenere insieme i cocci anche nei momenti peggiori, ma anche il suo cinismo nel trattare sia Ace che Peter (ma anche Eric Carr e Bruce Kulick), la sfrontatezza di Gene, l'instabilità alcoolica di Ace e tossica di Peter, la sfortuna dello stesso Carr e di St.John, il risentimento di Vinnie Vincent, la poliedricità di Eric Singer e l'incredibile entusiasmo e senso organizzativo di Tommy Thayer...you wanted the best? You got the best!

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

Lascia un commento

live report

Dhoa1

DARK HORIZON OPEN AIR 2020
Gartenfelder Strasse 28 - Spandau, Berlino

Il weekend partito il 10 luglio era stato pensato per il Castle Party di Bolkow (Polonia) che pareva avrebbe avuto luogo nonostante tutta la situazione relativa al coronavirus. Anche il Castle Party ha infine rimandato all'anno prossimo come cosi tanti altri fest...

Jul 22 2020

2015 Webdesigner Francesco Gnarra - Sito Web