You are here: /

WALL OF SILENCE: Shock to the System

data

10/07/2011
85


Genere: Melodic Rock
Etichetta: A&M Records
Distro:
Anno: 1992

Mike Slamer è un genio, e questo è un concetto indissolubile. Che sia esecutore, compositore o produttore, qualsiasi cosa su cui mette le mani è pura ambrosia. In questo caso si occupa della produzione, alcune parti di chitarra e, a livello compositivo, di alcuni brani. E' curioso scoprire alcune gemme quasi nascoste che confermano la regola che, a distanza di vent'anni, qualcosa di buono e ignorato c'è ancora! Band canadase che alla fine degli anni '80 pubblica sotto il moniker The Works un discreto album di AOR passato completamente inosservato. I nostri eroi non si perdono d'animo e creano una band straordinaria dove l'AOR lascia un po' della sua verve per fare posto ad un hard rock melodico perfettamente plasmato, costruito e suonato. Grandioso è il dinamismo che Slamer riesce a dare ai pezzi, virtù che ritroveremo negli Steelhouse Lane e Seventh Key. I brani, già belli di per sè, sono resi a mille dalla sapiente mano di Mike. Certo è che è un piacere quando spingono come nella title track, nella splendida "Nobody Heroes", oppure in "Skin And Bones", come altrettanto belli e toccanti sono le ballate "It's Only Love" (da urlo), e "Stop The Rain". Un disco assolutamente completo in ogni dove, al limite della perfezione e straordinario se visto con vent'anni di ritardo, e rispetto a riedizioni che oggi rivedono la luce dove la classe e le capacità sono nulle rispetto a questa band. La frase "se allora non se lo è filato nessuno una ragione ci sarà stata" non si puo' assolutamente applicare a questa band.

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

  • lux chaos

    Bravini, ma invece penso proprio che la frase "se allora non se lo è filato nessuno una ragione ci sarà stata" resti veritiera in questo caso...sono bravi, ripeto, ma non hanno hooks straordinari, buone canzoni ma linee melodiche già sentite 1563 volte su altri dischi precedenti. Mi spiace ma manca il "quid"

Lascia un commento

live report

Ulver sez

ULVER
Santeria Social Club - Milano

I lupi più pregiati della musica norvegese, gli Ulver, hanno deciso quest’anno di tirare fuori l’ennesimo gioiello della loro densa e molto eterogenea discografia, pescando a pieno titolo nella migliore essenza della new wave ottantiana, e facendol...

Dec 16 2017