You are here: /

LEGIO MORTIS: THE HUMAN CREATION AND THE DEVIL'S CONTRIBUTION

data

11/04/2011
50


Genere: Symphonic Black/Death
Etichetta: MDD Records
Distro: Massacre Records
Anno: 2011

Quarto studio album dei teutonici Legio Mortis, act legato a sonorità death e black arricchite da tastieroni sinfonici ed elementi gothic. Insomma, l'ennesimo neologismo musicale che non stiamo nemmeno a ripetere per decenza di chi legge e scrive. Ma soprattutto della musica. Dopo l'inevitabile intro strumentale, si parte col disco: "Unholy Four", un breackdown blackened death che tributa i Belphegor nei riff di chitarra, nelle ritmiche, un po' i Cradle Of Filth e i Graveworm in melodie e atmosfere, con la differenza che i trentini hanno (avevano) qualcosa di interessante da dire. Brano lungo, ripetitivo, ben eseguito ma di una fiacchezza compositiva allarmante. Buona la produzione, ma troppo pulita, pomposa. Procediamo con l'oscura "Avenger Of The Oppressed Souls", corposa sinfonia gotica che si lascia ascoltare senza clamori per trovarci di fronte "Pity the Sadness", sì, proprio quello, il pezzone dei Paradise Lost (quando suonavano death), che nel re-arrangiamento dei Legio Mortis perde di spessore guadagnandoci inutili tastieroni. Va appena appena meglio con "Mass Murdere", ma non si fugge da ridondanza e ripetitività. In Life Denied troviamo addirittura la biondona Liv Kristine (Theater Of Tragedy, Leave's Eyes tra gli altri) che si cimenta in un duetto vocale che sfocia presto nel trito schema beauty and the beast, senza dire nulla di particolarmente interessante. Se non altro le melodie sono appena appena più decenti della media. Con le ultime due tracce il livello si alza leggermente, ma gli sbadigli vanno giù a profusione, senza scampo. Insomma, un lavoro derivativo e inutile, ben registrato ed eseguito, ma con poche idee interessanti che is perdono in un mare di riff riempitivi e melodie penosamente scontate.

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

Lascia un commento

live report

Festivalsez

DARK HORIZON OPEN AIR II
Museumpark Rudersdorf - Rudersdorf bei Berlin, Brandeburgo

A meno di due mesi dalla prima edizione gli organizzatori del Dark Horizon Open Air decidono di bissare l'evento. Inizialmente addirittura previsto per agosto, è stato poi posticipato per l'indisponibilità del luogo della prima edizione, in proc...

Oct 7 2020

2015 Webdesigner Francesco Gnarra - Sito Web