You are here: /

TRISTANIA: Darkest White

data

01/06/2013
70


Genere: Gothic Metal
Etichetta: Napalm Records
Distro:
Anno: 2013

Checchè se ne dica i Tristania hanno sempre cercato di andare "oltre", e con buona personalità. Innegabile nel precedente 'Rubicon' e anche stavolta. Fare paragoni tra vecchia e nuova cantante sembrava essere diventato lo sport preferito dei dettattori più accaniti, visto che non si riusciva ad accettare che Mariangela avesse una voce totalmente diversa e che la band si fosse accorta che era necessario sfruttarla in modo più pieno. 'Darkest White' è un titolo che abbinato a una tale copertina fa tanto doom/gothic, ma non abbiamo pensato nemmeno un attimo di poterci trovare davanti dei novelli My Dying Bride. È pure vero che rispetto all'artwork del precedente disco c'è un abisso. Vale la pena, quindi, di insistere sui Tristania? Assolutamente sì, perchè innanzitutto sono corsggiosissimi. Non veniteci a dire che suonano pop metal alla Amaranthe, perchè le ultime gesta dei Within Temptation ci dicono che è possibile farlo con ottimi risultati. Ma non è questo il caso. Semmai la componente gothic è a tratti coperta da accenni sinfonici, semmai la voce della Demurtas è diventata la chiave di volta del sound dei norvegesi. La pecca maggiore -ma sono residui duri a morire- è quella che affligge la magior parte delle band del genere: stiamo parlando delle harsh vocals totalmente inadeguate e sterili, che unite a dei riff senza spessore (quelli più violenti e dallo stile moderno) fanno sì che ci sia un abisso tra brani come "Requiem" e altri come "Number". Il primo è uno degli apici dell'album, con il suo emotivo crescendo, l'altro un insieme abbastanza banale di alternanza growl/clean. Brilla nei suoi momenti meno pompati la chitarra ("Himmelfal" e l'originalità ritmica) e soprattutto la batteria e basso che, praticamente in ogni minuto sono pronti a utilizzare soluzioni lontane dalla monotonia. Avremmo visto meglio un innesto di elettronica in "Scarling", mentre "Lavender" è troppo poco lineare per ammaliare.

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

Lascia un commento

live report

Appunti01

HYPOCRISY – SEPTICFLESH
Orion - Ciampino (Roma)

Primo grande evento della stagione concertistica autunnale della capitale e quale migliore occasione per assistere al set di due band che, in maniera diversa, hanno fatto la storia del genere estremo. "Apertura delle danze" riservata ai finlandesi Horizon I...

Nov 22 2022

2015 Webdesigner Francesco Gnarra - Sito Web