You are here: /

BEN FROST

Una performance audio/video di Ben Frost rappresenta l’incontro dei cinque sensi, lo sviluppo delle percezioni e delle sensazioni più nascoste. All'interno della cornice della Sala Sinopoli l'artista Australiano porterà in scena "The Center Cannot Hold", un viaggio nelle profondita` dello spazio che grazie ai visual dell'artista tedesco Marcel Weber a.k.a. MFO, prenderà forma in un percorso sensoriale collettivo. Ad introdurvi tra i meandri di queste frequenze: Claudio Fabrianesi.

Giovedì 15 novembre 2018
Auditorium Parco della Musica - Sala Petrassi
Ben Frost audio video show con MFO
Claudio Fabrianesi dj set

TICKET
biglietti da € 25.00 a 30.00 + diritto di prevendita
20€+ddp - Early Birds validi fino al 21.10.2018 : bit.ly/T-0earlybrds
info: bit.ly/BenFrostAuditorium
 
BEN FROST
 
Compositore di grande e vario background musicale, nasce a Melbourne, nel 1980 si è trasferito a Reykjavik, Islanda, dove tuttora vive, dal 2005; assieme a Valgeir Sigurrosson a Nico Muhly fonda l’etichetta/collettivo Bedroom Community ( su cui pubblicò i suoi primi tre album). I suoi lavori ad iniziare da “Steel Wound” (2003), “Theory of Machines” (2007), “By The Throat” (2009), fino ad “A U R O R A” fondono una intensamente strutturata soundart con una militante elettronica post classica, caratterizzata da un immensa fisicità (uso di potenti iper-bassi), melodie immersive, attimi di minimalismo alternati a feroci sferrate di matrice metal intrise di ancestrali poliritmie. Dopo aver collaborato con artisti come Brian Eno, Tim Hecker e Swans, il suo album solista più recente “The Centre Cannot Hold” offre un nuovo turbolento mondo di forme ferocemente sintetiche e interferenze galattiche. Ben Frost ha composto diverse colonne sonore per la danza (including Wayne McGregor/Random Dance, Akram Khan, and german Director Falk Richter) per il cinema ( fra cui Palme d ´Or nominated Sleeping Beauty by Julia Leigh) e series fra cui Fortitude (Sky) e Dark (Super Dark Times per Netflix) oltre a collaborare stabilmente con il fotografo irlandese Richard Mosse, nel 2013 ha anche esordito con un’opera, The Wasp Factory.
 
MFO
 
MFO è un artista visuale tedesco, il suo lavoro ha a che fare prevalentemente con l’ossessione della memoria e della percezione, della formazione e dissoluzione delle identità in vista di un futuro possbile e delle mitologie che lo pssono comporre. Direttore per gli allestimenti visuali di Atonal Berlino e collaboratore di Unsound e Mutek Festival, Roly Porter, Kara-Lis Coveradale e altri, ha recentemente curato lo stage design per Kyle Nixon & Mchael Stein presents Stranger Things.
 
CLAUDIO FABRIANESI
 
Claudio Fabrianesi è un esteta del suono e ideatore di progetti sempre all’avanguardia. Romano di nascita ha da sempre partecipato attivamente al movimento musicale capitolino, grazie alle sue produzioni e performance ha ottenuto riconosciUna performance audio/video di Ben Frost rappresenta l’incontro dei cinque sensi, lo sviluppo delle percezioni e delle sensazioni più nascoste. All'interno della cornice della Sala Sinopoli l'artista Australiano porterà in scena "The Center Cannot Hold", un viaggio nelle profondita` dello spazio che grazie ai visual dell'artista tedesco Marcel Weber a.k.a. MFO, prenderà forma in un percorso sensoriale collettivo. Ad introdurvi tra i meandri di queste frequenze: Claudio Fabrianesi.

Giovedì 15 novembre 2018
Auditorium Parco della Musica - Sala Petrassi
Ben Frost audio video show con MFO
Claudio Fabrianesi dj set

TICKET
biglietti da € 25.00 a 30.00 + diritto di prevendita
20€+ddp - Early Birds validi fino al 21.10.2018 : bit.ly/T-0earlybrds
info: bit.ly/BenFrostAuditorium
 
BEN FROST
 
Compositore di grande e vario background musicale, nasce a Melbourne, nel 1980 si è trasferito a Reykjavik, Islanda, dove tuttora vive, dal 2005; assieme a Valgeir Sigurrosson a Nico Muhly fonda l’etichetta/collettivo Bedroom Community ( su cui pubblicò i suoi primi tre album). I suoi lavori ad iniziare da “Steel Wound” (2003), “Theory of Machines” (2007), “By The Throat” (2009), fino ad “A U R O R A” fondono una intensamente strutturata soundart con una militante elettronica post classica, caratterizzata da un immensa fisicità (uso di potenti iper-bassi), melodie immersive, attimi di minimalismo alternati a feroci sferrate di matrice metal intrise di ancestrali poliritmie.
Dopo aver collaborato con artisti come Brian Eno, Tim Hecker e Swans, il suo album solista più recente “The Centre Cannot Hold” offre un nuovo turbolento mondo di forme ferocemente sintetiche e interferenze galattiche.
Ben Frost ha composto diverse colonne sonore per la danza (including Wayne McGregor/Random Dance, Akram Khan, and german Director Falk Richter) per il cinema ( fra cui Palme d ´Or nominated Sleeping Beauty by Julia Leigh) e series fra cui Fortitude (Sky) e Dark (Super Dark Times per Netflix) oltre a collaborare stabilmente con il fotografo irlandese Richard Mosse, nel 2013 ha anche esordito con un’opera, The Wasp Factory.
 
MFO
 
MFO è un artista visuale tedesco, il suo lavoro ha a che fare prevalentemente con l’ossessione della memoria e della percezione, della formazione e dissoluzione delle identità in vista di un futuro possbile e delle mitologie che lo pssono comporre.
Direttore per gli allestimenti visuali di Atonal Berlino e collaboratore di Unsound e Mutek Festival, Roly Porter, Kara-Lis Coveradale e altri, ha recentemente curato lo stage design per Kyle Nixon & Mchael Stein presents Stranger Things.
 
CLAUDIO FABRIANESI
 
Claudio Fabrianesi è un esteta del suono e ideatore di progetti sempre all’avanguardia. Romano di nascita ha da sempre partecipato attivamente al movimento musicale capitolino, grazie alle sue produzioni e performance ha ottenuto riconoscimenti provenienti da ogni parte del mondo. I suoi set al Labyrinth e Terraforma hanno fatto storia. Il suo è uno stile difficile da catturare in una singola definizione, ha una visione della musica a 360 gradi, è capace di spaziare dall’ambient ai suoni più intensi e fortemente techno.

Prodotto e diretto da: TEMPO
connettere le stesse idee intorno alla cittàPartner:
SCENARIO - Manifesto delle Visioni Parallele - AMEN - Theorymenti provenienti da ogni parte del mondo. I suoi set al Labyrinth e Terraforma hanno fatto storia. Il suo è uno stile difficile da catturare in una singola definizione, ha una visione della musica a 360 gradi, è capace di spaziare dall’ambient ai suoni più intensi e fortemente techno.

Prodotto e diretto da: TEMPO
connettere le stesse idee intorno alla cittàPartner:
SCENARIO - Manifesto delle Visioni Parallele - AMEN - Theory

 

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

live report

Theocean

THE OCEAN
Santeria Social Club - Milano

Tornano in Italia una delle figure attualmente più importanti del post-metal internazionale, i berlinesi The Ocean, e lo fanno a distanza di dieci anni esatti dalla pubblicazione del loro esordio ‘Precambrian’, un album che ha dato...

Nov 16 2018

2015 Webdesigner Francesco Gnarra - Sito Web