You are here: /

WORMED: Planisphærium (Reissue)

data

26/07/2012
80


Genere: Brutal Slam Death Metal
Etichetta: Hammerheart Records
Distro:
Anno: 2012

Estate 2012 piena zeppa di ristampe in casa Hammerheart: i primi a capitarci sottomano sono i Wormed. Ah, che grande band purtroppo (come al solito) sottovalutata! Demo ed EP alla fine del millennio, esordio col qui presente 'Planisphaerium', inattività, un EP di due brani un paio d'anni fa e ora dicono di esser pronti per un nuovo album. Questa in breve la storia del gruppo spagnolo, ma occupiamoci della ristampa con bonus tracks dell'esordio. Innanzitutto, la domanda cruciale: ce n'era bisogno? La risposta è senza'altro sì, distribuire qualche altra copia in giro di questo lavoro non può che far del bene alla band e al metal in generale. E agli ascoltatori che - poveri loro - si imbatteranno in questa autentica macchina maciulla-timpani? Peggio per loro, siamo davanti alla risposta iberica ai maestri del brutal slam americano, quelli che fanno sembrare i Suffocation e i Deicide dei novelli Tokio Hotel, al confronto. Ebbene, bisogna inquadrare i Wormed in questa rancida ottica, perchè se ci lasciassimo sviare dalla cover art (ad opera del cantante Phlegeton) e dai testi, li paragoneremmo a gente come Origin e compagnia tecnica e iper-futuristica. Fortunatamente non è il nostro caso, la tecnica è presente, è tangibile il tasso di complessità dell'opera, ma c'è l'elemento brutale che domina e salva il disco dalla sterile gara tra virtuosi. I ritmi irregolari sono all'ordine del giorno, una disarmonicità di fondo rende l'ascolto poco adatto ai novizi, rallentamenti vertiginosi ci avvicinano a Devourment e Brodequin, certe aperture tecniche e quesi robotiche invece rendono la proposta meno opprimente. Il growl ultra gutturale è in pieno stile slam, incomprensibile e vicino allo scarico di fogna. Non c'è un pezzo che si staglia sugli altri, e principalmente è questo il limite dei dischi del genere: tutti potenzialmente highlights per l'appassionato, tutti rumori molesti per l'ascoltatore occasionale. Sicuramente quello che traspare è il feeling che attraverso cotanta brutalità si riesce a trasmettere, non tutti i gruppi riescono a farlo, soprattutto in modo così originale. Infine, la produzione benchè imperfetta pulsa vitale attraverso un suono secco e molto più orientato verso le vecchie produzione degli anni Novanta che verso la assoluta e maniacale pulizia del death tecnico. Meglio così, in fin dei conti. Non avremmo saputo che farcene di cloni dei Deeds Of Flesh. Attenzione alle bonus tracks: suono ancora più crudo, meno elaborato che nell'album, con influenze più marcate e ancora qualche indecisione stilistica, soprattutto sugli stacchi jazzati.

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

Lascia un commento

live report

Dhoa1

DARK HORIZON OPEN AIR 2020
Gartenfelder Strasse 28 - Spandau, Berlino

Il weekend partito il 10 luglio era stato pensato per il Castle Party di Bolkow (Polonia) che pareva avrebbe avuto luogo nonostante tutta la situazione relativa al coronavirus. Anche il Castle Party ha infine rimandato all'anno prossimo come cosi tanti altri fest...

Jul 22 2020

2015 Webdesigner Francesco Gnarra - Sito Web