You are here: /

WINTERSUN: The Forest Seasons

data

19/07/2017
80


Genere: Symphonic Epic Extreme Metal
Etichetta: Nuclear Blast
Distro:
Anno: 2017

La perversione segreta di molti metallari, la goduria dietro la vergogna e la ammirazione sfrenata, comunque vada, per uno dei progetti più in vista degli ulltimi anni: i Wintersun. In essi ci sono musicisti il cui background è tra le cose più divergenti che si possano immaginare sulla faccia della Terra, a parte un partito politico che riunisce vecchi comunisti e democristiani. Attorno alla mente sopraffina di Jari Maenpaa, il cui nome campeggiava in modo abbastanza grezzo anche nella copertina dell'esordio del 2004, troviamo di tutto e di più. Egli stesso venva dagli allora imprescindibili Ensiferum, ma con esperienza nel black metal degli Arthemesia a metà anni Novanta, così come il batterista -forse il più impressionante- che ha suonato nei trucidi demo dei Cartilage e poi nei Rotten Sound e Swallow The Sun, e ultimamente nello struggente album dei Trees of Etermity della compianta Aleah Stanbridge, ma non dimentichiamo anche l'ex bassista di Norther, Cain's Offering e Amberian Dawn. Vi chiedevate come facevano i Wintersun a coprire quasi tutto lo spettro del metal? Eccovi serviti. Dovrà essere un problema ogni volta mettersi d'accordo su cosa, come e quanto suonare. Per questo cinque anni di attesa da 'Time I' sono l'adeguato dazio da pagare. Le fazioni di fanboy e hater si sono sostanzialmente fronteggiate fino alla morte, da un lato la lode sperticata alla magnificenza e alla ricchezza di suoni dei Wintersun, dall'altro queste stesse caratteristiche e la spesso totale assenza di strutture tipiche da canzone metal sono state viste come una presa in giro, che potevano far presa solo sui mammalucchi. Poi magari scopri che i critici ascoltano i Sunn O))) e pensi che l'uomo non è esattamente l'essere più coerente del pianeta, ma ha gli strumenti per esserlo, egli vuole essere contraddittorio. I Wintersun invece è dal primo album che sono affascinati ai limiti dell'ossessione da tematiche come il tempo che passa e il cambio delle stagioni, ed oggi dedicano a queste -come se fossero dei novelli Vivaldi- il nuovo 'The Forest Seasons', ispirati appunto dal mutamento degli alberi e dei colori di un boschetto accanto alla casa di uno di loro. Fortunati che lì vicino non c'era una discarica, avremmo avuto un disco dei Municipal Waste (ah-ah). In realtà nell'omonimo le canzoni c'erano e come, solo che erano una semplice -si fa per dire- e non ancora compiuta miscela di Ensiferum, Norther e Children of Bodom. Le cose erano cambiate radicalmente con 'Time I', in cui i Nostri avevano scoperto l'orchestra, riempiendo tutto di sinfonie, tanto da diventarne il tratto caratteristico. Melodie tradizionali folk/pagan suonate con la grandiosità da kolossal dei Rhapsody, il metal è un po' bistrattato e se non ci fosse la batteria tutto sommato non sarebbe cambiato molto. In fondo non si va, è gran bella goduria per le orecchie in HD, che resta in superficie e non si sedimenta. Adesso siamo davanti a una salvifica rivoluzione. A prescindere dalla stagione in cui ci si trova, è tutto molto più cupo, metallico ed estremo. I Moonsorrow e gli Enslaved vengono alla mente in alcuni punti, giudicate voi se sia un bene o un male. E poi ovviamente quegli Ensiferum dei primi due album,con aggiunta di una produzione molto possente, seppur non perfetta nell'amalgama generale. Ascoltare i Wintersun senza tanti giri di parole, con riff ben impostati, che vanno dal power al symphonic black, con una struttura delle canzoni più concreta, è un sogno che diventa realtà. E come spesso accade i miei sogni sono gli incubi di molti altri, e in questo caso tutti gli osannanti di 'Time I' rimarranno molto delusi. 'The Forest Seasons' è molto più tradizionale e meno presuntuoso e pretestuoso del suo predecessore, anche se è tutto relativo perché parlare di ridimensionamento rispetto a brani di dodici e quattordici minuti mi sembra un po' eccessivo. E tutte le sinfonie? Ci sono, ma non protagoniste indiscusse come in 'Time I', bensì organicamente integrate. Dal punto di vista della qualità dei suoni di tastiere siamo davanti a un peggioramento, non dico che siano arrangiamenti amatoriali o pessimi, ma il downgrade si sente. Io lo giustifico e lo considero non determinante perché stavolta i Wintersun mi hanno soddisfatto, stupito e conquistato sugli altri fronti, perché essenzialmente mi hanno fatto un gran bell'album metal, a tratti progressivo e a tratti folkloristico, a tratti sinfonico e a tratti epico. Sentitevi l'inverno, non li riconoscerete come i vecchi Wintersun. Non è la colonna per un giochino fantasy per smartphone. Jari ha comunque vinto perché riuscirà a far parlare di sé e a dividere trasversalmente le fazioni di cui parlavo sopra. Faccio ufficialmente outing: adesso mi piacciono i Wintersun e galeotto fu il loro terzo album. Ora appuntamento al Brutal Assault sperando che facciano solo le quattro stagioni.

[certo che il trailer di trenta secondi su una canzone da un quarto d'ora è una presa per i fondelli niente male]

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

Lascia un commento

live report

16729532 10155212891844925 3954847479024016350 n

HARDSOUNDS FESTIVAL 2017
Traffic Live - Roma

Roma, 13 ottobre 2017. Per quest’anno si è voluto fare le cose in grande per l’organizzazione dell’Hardsounds Festival. Il supporto organizzativo dato da figure quali eRocks Production, MVO Concerti ed Hellfire Booking Agency ha fatto in modo...

Oct 19 2017

2015 Webdesigner Francesco Gnarra - Sito Web