You are here: /

WILL 'O' WISP: Inusto

data

14/09/2015
85


Genere: Progressive Death Metal
Etichetta: Nadir Music
Distro:
Anno: 2015

Dopo aver sentito un'opera complessa e ambiziosa come 'Kosmo', la domanda che un po' tutti si sono fatti è stata "ma i Will 'o' Wisp potranno andare oltre?". La risposta - resa ancora più perentoria dalla riuscita campagna di fundraising - è tra le nostre mani: con il vulcanico Inusto si ha la sensazione rarissima di avere finalmente una delle poche opere a tutto tondo, che non possono sentire distrattamente al market o nel traffico perché sai che si perde molto. Innanzitutto è da notare il legame indissolubile con l'arte di Nicholas Roerich, pittore e poeta della prima metá del secolo scorso, i cui dipinti rendono il libretto un aspetto fondamentale del disco. Gli stessi testi sono un adattamento da suoi versi. Se già con Kosmo potevamo ben dirci soddisfatti di una ricerca che andava oltre l'aspetto strettamente musicale, per assimilare tutto questo ci vogliono giorni interi. Non siamo, in poche parole, di fronte a quelle band death metal che si accontentano di mezzora di distorsioni, tupatupa e cover degli Entombed (per quanto siano apprezzabili eh). Il death progressivo dei liguri continua a vivere oltre i Death e oltre i Cynic, prediligendo aspetti etnici, atmosferici e tribali, inediti in quanto più definiti se confrontati ai precedenti episodi della loro carriera. Tasselli di un unico grande mosaico, i brani si sviluppano e si avviluppano in diverse dimensioni, come un caleidoscopio che cambia le carte in tavola appena pensi di aver capito qualcosa. E per questo motivo gli ascolti si susseguono, meravigliati e meravigliosi. Piace sentire che qualcuno non si sia bevuto il cervello e abbia deciso di confezionare un album senza utilizzare tecniche di registrazione assurde e mortificanti che avrebbero azzerato ogni dinamica. E Inusto è proprio questo: musica che non si accontenta di apparire semplicemente bella, ma di cambiare veste ad ogni occasione e mettere in mostra tutti i suoi pregi, primo tra tutti una longevità impressionante. Senza fare spoiler inutili, dopo una partenza meno immediata rispetto al lavoro del 2012, il consiglio è di fare particolare attenzione alle ultime canzoni del disco, che come in un climax ascendente nascondono il vero senso del prog metal, per definizione fuori dagli schemi. E da qui bisognerà ripartire, cari Will 'o' Wisp. Quindi le aspettative per il terzo album dalla reunion (avvenuta nel lontano 2008) sono già molto alte, a ragion veduta.

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

Lascia un commento

live report

Appunti01

IN MOURNING
Monk Club - Roma

Quello appena trascorso è stato uno dei weekend tra i più impegnativi della stagione finora trascorsa: Venerdì 4 maggio i Godflesh, Sabato 5 Lili Refrain, e Domenica 6 ci siamo trovati a dover scegliere tra i concittadini Inferno, oppure il tri...

May 19 2018

2015 Webdesigner Francesco Gnarra - Sito Web