You are here: /

VICIOUS RUMORS: Electric Punishment

data

12/04/2013
88


Genere: Heavy Power Metal
Etichetta: Steamhammer
Distro:
Anno: 2013

Punto e a capo. Nuovo album, nuova vita. I Vicious Rumors irrompono con una violenza inaudita nei nostri impianti audio e dobbiamo dire che non ci aspettavamo tale grandioso ritorno. Direttamente dietro ai magici album come 'Soldiers Of The Night' e 'Welcome To The Ball', diverse spanne sopra 'Razorback Killers' di un paio d'anni fa (forse un po' oscurato da quell'altro inatteso colpo di coda, 'Call To Arms' dei Saxon, ma quella è un'altra storia). 'Electric Punishment' fa la barba, di pelo e contropelo, a tutti i sedicenti old school metallers, a tutti i revivalisti che si affannano a copiare atteggiamenti e formule del passato, utilizzando i loro stessi ingredienti e la scintilla che caratterizza i lavori da lasciare ai posteri. Non si può pensare a un disco di una sorta di "nuovo heavy metal", ma non possiamo farci niente se questo undicesimo lascito della band americana è moderno e attualissimo. Non c'è un riff sbagliato che sia uno, ad opera di Thorpe e Rasmussen. La copertina e le tematiche elettrizzanti richiamano un altro colosso, gli Overkill e il loro 'The Electric Age', i contenuti sono quelli che rendono imperdibile il presente album, già un classico dell'US metal. Oltre al caloroso consiglio di acquistarlo, possiamo tentare di esprimere tanta ispirazione, che di questi tempi latita parecchio. Due spunti di riflessione: un cantante stratosferico come Brian Allen (niente da invidiare al suo omonimo Russell, anche se con caratteristiche completamente differenti) e la speranza che possano arrivare, per un gruppo come i Vicious Rumors, i frutti di questo lavoro. Per il primo aspetto, bisogna avere davanti i brani, per capire come si presenta la solidità e l'aggressività di Allen, con capacità di caratterizzare anche i brani più lenti e interpretandoli con melodia a seconda dei vari momenti. Un jolly importantissimo quindi, anche se pensiamo che sarebbe stato un discone pazzesco anche senza di lui. Se del singer possiamo ammirare la immensa forza in ogni punto del platter, musicalmente rimaniamo estasiati da brani come "I Am The Gun" in cui succede il finimondo (batteria scatenata, riff che valgono tantissimo e tanti spunti diversi, per una sola traccia!) e altri come "Escape (From Hell)" in cui la toccante power ballad si tramuta in una cavalcata d'élite e si ha altra dimostrazione dello stato di grazia delle asce, in un crescendo esponenziale, con finale emozionante, quasi alla Savatage. Vediamo come si destreggiano bene i Nostri nella titletrack, forse un po' lunga, mid tempo dal sapore doom, col riff iniziale doppiato in un modo che fa sembrare la canzone con una marcia in più anche se realmente non si fa nulla di così difficile. In ultimo, bisogna avere riguardo dell'inno che noi stessi rivolgiamo a band come questa: "Together We Unite", episodio da defender, il più melodico del cd, in cui anche il più burbero dei metallari avrà la sua lacrimuccia, non fosse altro che per ringraziare i Vicious Rumors che ci hanno dato, a metà anno, un motivo per ricordare il 2013. Non diciamo altro perchè effettivamente 'Electric Punishment' dovrebbe già essere sul piatto dello stereo e le casse dovrebbero essere sul punto di esplodere.

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

Lascia un commento

live report

Flyer

GOBLIN REBIRTH
Killjoy - Roma

Assistere ad un concerto il 23 luglio scorso durante il post covid è stato veramente un evento raro per gli amanti della musica. A ciò aggiungasi: locale all'aperto (Killjoy) con tanto di brezzolina rinfrescante, possibilità di cenare grazie ...

Aug 12 2020

2015 Webdesigner Francesco Gnarra - Sito Web