You are here: /

USURPRESS: Ordained

data

16/07/2015
74


Genere: Death Metal
Etichetta: Doomentia Records
Distro:
Anno: 2014

Ancora Svezia, ancora death metal ed ancora revival anni novanta, ma se la maggior parte dei gruppi attuali tendono a copiare (sì COPIARE!) Entombed e Dismember da una parte, o Dark Tranquillity e In Flames dall'altra, gli Usurpress si rifanno alla scuola Asphyx/primi Pestilence, quindi marciume a palate, rallentamenti ferali ed accelerazioni raramente esagerate, il tutto condito da una base crust che ha nei grandi Amebix i mentori incondizionati. 'Ordained' è il secondo album per la band di Uppsala, che comunque ha già alle spalle diverse pubblicazioni tra split ed Ep in soli cinque anni di vita e in poco più di trentanove minuti - praticamente lo standard per dischi di quel periodo - riscopre quell'oscurità che aveva ricoperto il pianeta metal, quella coltre fuligginosa creata dai primi Celtic Frost e che, soprattutto in Olanda avevano estremizzato i gruppi di cui sopra, non a caso chi scrive ha sempre ritenuto che ci fosse uno strettissimo legame tra la band di Tom Warrior e quella di Rob "The Baron" Miller, almeno a livello musicale, gli Usurpress non fanno niente per nasconderlo e così chi ha amato - ed ancora lo fa - questo genere genuino e sanguigno, troverà il cosiddetto pane per i propri denti, magari storcendo un pò il naso dopo la prima e un pò ripetitiva "The Heart Of The Last Kingdom", ma godendo della furia di "Storming The Mausoleum" e "Deny Salvation (Wolf-Like Dogs)", ma anche dei momenti slow e disperati di "Fire In The Minds Of Men" o "Ritual Warfare", sopratutto quest'ultima dà l'impressione di precipitare in un abisso senza fine dove ci aspettano chissà quali malvage creature. Il connubio Frost/Amebix è evidente in "Fan The Flames Of Madness", pesantezza crust e vocals pulite agghiaccianti conducono questo incubo sonoro, mentre spiazza la cover di Bo Hansson "Lóthlorien" - era il 1972! - anche se ascoltando "The Undeification" e "As The Monolith Comes Alive" si trova il trait d'union con questo episodio prog dei '70s. Ora, qualcuno dirà: "ma che senso ha riproporre quelle sonorità vecchie di venticinque anni?" Beh, la risposta sta tutta nell'atteggiamento underground della band, nelle scelte stilistiche, rifarsi ad Amebix e a i primi Voivod - ascoltate "The Eyeless Spectator" o "Embracing The Vultures" - non significa accodarsi al carrozzone degli scopiazzatori per averne una facile visibilità senza avere uno straccio di idea propria, ma unicamente tributare band tanto immensamente valide, quanto altrettanto sottovalutate e tutto questo è confermato dalla scelta dell'etichetta, la Doomentia Records - chi pubblica le edizioni in vinile degli album dei Master, va venerata incondizionatamente - e da quella dell'artwork e del suo ideatore, ovvero Ola Larsson, l'uomo che sta dietro a oscuri capolavori artistici, quali le copertine di Thy Primordial, Disma e Cranium, con questo il cerchio si chiude, ora sta a voi, putridi adoratori del miasma, crogiolarvi con 'Ordained', soddisfazione garantita!

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

Lascia un commento

live report

Dhoa1

DARK HORIZON OPEN AIR 2020
Gartenfelder Strasse 28 - Spandau, Berlino

Il weekend partito il 10 luglio era stato pensato per il Castle Party di Bolkow (Polonia) che pareva avrebbe avuto luogo nonostante tutta la situazione relativa al coronavirus. Anche il Castle Party ha infine rimandato all'anno prossimo come cosi tanti altri fest...

Jul 22 2020

2015 Webdesigner Francesco Gnarra - Sito Web