You are here: /

UNHERZ: Die Wahrheit Liegt Dazwischen

data

03/09/2012
67


Genere: Hard Rock
Etichetta: Massacre Records
Distro:
Anno: 2012

In un periodo qualitativamente molto buio per la Massacre Records, in cui praticamente chiunque potrebbe farsi pubblicare un disco da codesta etichetta, ecco che una divertente e scanzonata band, tamarra quanto volete, cerca di riaddrizzare il trend. Ora, saremmo bugiardi ad ammettere che i precedenti lavori degli Unherz ci hanno fatto piacere, anzi. Ma qui, al terzo album, sembra proprio che la allegra combriccola abbia tirato fuori un gradevolissimo lavoro parimenti influenzato da rock, metal classico e punk. Il tutto cantato in tedesco e suonato con una attitudine incredibilmente genuina. Ma non la genuinità da provincialotti, una sincera voglia di spaccare solo con i propri strumenti e con le proprie canzoni. Che stavolta, attenzione, sono di qualità. Perciò siamo piacevolmente sorpresi quando nei tre quarti d'ora di 'Die Wahrheit Liegt Dazwischen', impronunciabile per chiunque non mastichi un po' di lingua o musica tedesca. Non ci troviamo davanti a dei mostri di tecnica, ma in fondo non sarebbe nemmeno servita, visto che non ci sentiamo di fare grossi appunti a riguardo. Anzi, diciamo che così l'album è spontaneo e sincero, con le sue ritmiche non molto fantasiose e in alcuni punti a dir poco scolastiche. Gli AC/DC al confronto sono mostri. Anche la produzione della batteria lascia molto a desiderare, sullo stile di una drum machine praticamente. Per il resto, la semplicità domina, a volte si tramuta in ingenuità, ma dalle iniziali scorribande di rock duro (avete presente l'operato del recente Pino Scotto quando non si dà a collaborazioni strampalate?) andiamo a finire prima in giochini sul punk melodico che interseca coretti e pianoforte ("King Kong Schwester"") poi in anonime e terribili incursioni nel metal primordiale ("Paranoia", ma anche solo "noia" per l'ascoltatore) e infine, raccolte in coda, le canzoni più melodiche e tranquille. Una scelta che può stupire, che senso ha infilare una dietro l'altra la ballatona ad alta gradazione romantica, il coro da birreria della Renania e un lieve pezzo sul folk melodico? In ogni caso, pollice in alto anche per la versione dolce degli Unherz. Più Danko Jones che Die Toten Hosen, l'eccellenza è lontana ma almeno fanno muovere le chiappe molto bene. E a proposito di glutei, molti avranno gradito la copertina.

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

Lascia un commento

live report

Evergrey2

EVERGREY
KB (Kulturbolaget) - Malmö (Svezia)

È pur vero che questa è l'ennesima visita degli Evergrey in città il 28 febbraio scorso (l'ultima risale a meno di un anno fa), ma non esistono scuse per perdersi una data di questo calibro. Si spera sempre che una band di qualità ...

Mar 30 2020

2015 Webdesigner Francesco Gnarra - Sito Web