You are here: /

TYGERS OF PAN TANG: Tygers Of Pan Tang

data

25/10/2016
82


Genere: Hard Rock
Etichetta: Mighty Music
Distro:
Anno: 2016

Basta, abbiamo sentito dei commenti tipo che 'Tygers Of Pan Tang' deve essere presente nella collezione di ogni amante della NWOBHM che si rispetti. Ebbene, il sottoscritto è uno di questi antichi soggetti che custodisce gelosamente i suoi vinili di Iron Maiden, Saxon, Raven, Angelwitch. e naturalmente Tygers Of Pan Tang, ma che non acquisterà l'album omonimo di Robb Weir e soci per questi motivi, ma perchè, a parte "Never Give In" e "Do It Again" che sono sostenute da riff strettamente riconducibili al periodo di 'Wild cat' e "Dust" che sarebbe stata benissimo su 'Spellbound', questo è un album di una band che fa dell'ottimo hard rock, sfaccettato e potente e che ha l'unico trait d'union con lo storico passato nella continua ricerca della melodia su una base comunque rocciosa - a parte la chitarra di Robb, unico componente originale rimasto - cosa che peraltro i Tygers hanno sempre fatto. Infatti, se si esclude il primo cantante Jess Cox, gli altri, dal fantastico John Deverill in poi, hanno sempre aiutato il gruppo ad essere orecchiabile senza sputtanarsi, anche nei bistrattati 'The Wreck-Age" e 'Burning In The Shade', due album semplicemente senza idee, ma non per questo riconducibili al glam o all'AOR. Detto questo, va rilevato che oramai questa line-up è per tre quinti assieme dal 2004, e che la coesione tra la bellissima voce hard del nostro Jacopo Meille - anche nei Mantra - lo stesso Robb Weir ed il batterista Craig Ellis è arrivata ad un punto altissimo che permette di aver un songwriting arioso e vario, e di passare con nonchalance dal potente hard'n'heavy del singolo di apertura "Only The Brave", il  cui video è visibile qui di seguito, al rock blues di "Glad Rags", dalla pseudoballad moderna - sì, sì, è proprio così - "The Reason Why" al musical rock di "I Got The Music In Me", dal trascinante hard rock di "Blood Red Sky" allo strisciante heavy di "The Devil You Know", senza tralasciare che quest'ultima è introdotta dai quasi due minuti completamente acustici di "Angel In Disguise". Il tocco di Soren Andersen (Glenn Hughes, Mike Tramp, Pretty Maids) al mixing e di Harry Hess, voce degli Harem Scarem al mastering, dopo che la band si è autoprodotta nei Blast Studios di Newcastle, danno quel sound pulito e potente, equilibrato e moderno - ancora?! Ma stiamo proprio parlando dei Tygers Of Pan Tang? Ebbene sì! - che sdogana il gruppo inglese anche ai giorni nostri. Che sia la volta buona? Negli anni Ottanta ci sono andati vicini con 'The Cage', ora, anche se lo scenario è totalmente cambiato, i numeri ci sono e con la spinta giusta un album così non può passare inosservato.

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

Lascia un commento

live report

Flyer

GOBLIN REBIRTH
Killjoy - Roma

Assistere ad un concerto il 23 luglio scorso durante il post covid è stato veramente un evento raro per gli amanti della musica. A ciò aggiungasi: locale all'aperto (Killjoy) con tanto di brezzolina rinfrescante, possibilità di cenare grazie ...

Aug 12 2020

2015 Webdesigner Francesco Gnarra - Sito Web