You are here: /

THE LOOM OF TIME: NihilReich

data

10/12/2016
80


Genere: Black Death Doom Metal
Etichetta: ATMF
Distro:
Anno: 2016

Troppo spesso oramai mi abbatto, pensando che dalla discografia nulla di interessante verrà fuori nei mesi a seguire. Mi accade dopo aver goduto come un matto di un'uscita devastante e perfetta, in questo caso quella dei Ruinous. Anche la Bibbia, da qualche parte, parla di sette anni di vacche grasse e altrettanti di vacche magre, no? Mi apprestavo appunto ad accontentarmi di robette dalla magrezza impressionante di contenuti, ma poi sono arrivati questi tre australiani, dal nulla, proiettati nel panorama metal da ATMF e... non è solo black metal. Come i sontuosi Ur Draugr e vicini a loro per l'essenza inafferrabile della musica suonata, l'etichetta friulana si dimostra di palato fine per gli arrivi dall'Oceania e i Loom of Time non fanno eccezione. Inutile tentare di definire in modo più contenuto i trentaquattro minuti contenuti in questo esordio: si tratta proprio di quello, una fusione di black metal molto preciso, death svedese e in parte di doom metal, concepita con una preparazione stupefacente per essere un'opera prima. I Dissection sono più che dei maestri, ma non si raggiungono quei livelli di malvagità. Qui i ritmi sono più vari e si gioca anche con un range di voci diverse, anche pulite ed epiche. E quindi si chiamano in causa persino Bathory e Candlemass, implementandoli in un contesto più moderno e ovviamente di metal decisamente estremo, per cui non deve sorprendere se ci sono sfuriate violentissime con cantato in scream e subito dopo parti incrociate tra Carcass e At The Gates, seguite a loro volta da stuzzicanti riffoni squadrati vicini al metal moderno, che si sciolgono in dissonanze slayeriane. I punti di riferimento sono tanti, e sono stati scelti in modo estremamente eterogeneo, ma l'abilità dei Loom of Time è tutta lì a testimoniare come dei mondi apparentemente inconciliabili si sono incastrati tra di loro in modo veramente riuscito. La durata è perfetta per mantenere alta l'attenzione e spingere ad ascolti ripetuti a causa di una stratificazione di linee strumentali per nulla scontata, che rende 'NihilReich' un esempio da seguire per la cura maniacale dei dettagli nella scrittura dei pezzi. Lo stupore per l'iniziale disorientamento diventa sorpresa e poi immensa soddisfazione. 

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

Lascia un commento

live report

Evergrey2

EVERGREY
KB (Kulturbolaget) - Malmö (Svezia)

È pur vero che questa è l'ennesima visita degli Evergrey in città il 28 febbraio scorso (l'ultima risale a meno di un anno fa), ma non esistono scuse per perdersi una data di questo calibro. Si spera sempre che una band di qualità ...

Mar 30 2020

2015 Webdesigner Francesco Gnarra - Sito Web