You are here: /

THALAMUS: Soul

data

13/03/2013
75


Genere: Hard Rock
Etichetta: Transubstans Records1
Distro:
Anno: 2013

Ci sono dischi che per essere assaporati al meglio (o addirittura capiti anche in una loro minima parte) devono essere ascoltati in determinate condizioni. Se un certo black metal d'estate perde molto del suo appeal, allo stesso modo i Thalamus senza il solleone, senza una ambientazione come quella della copertina, rilasciano poco della loro essenza. Un hard rock ai confini con lo stoner meno sporco, che sa di vecchia scuola, farraginoso, ci fa sognare in tutto 'Soul', che esprime la dimensione cui il disco si riferisce, un ascolto non difficile come altri di casa Transubstans, più diretto e con meno propensione alla fusione nuovo/antico (come gli Egonaut, ad esempio, per rimanere in Svezia). Orgogliosamente votati ad un suono settantiano, con quel trasporto che a volte manca a gente come i Black Stone Cherry. Certo, manca l'appeal commerciale della band americana e proprio per le caratteristiche più revivaliste i Thalamus non piazzano brani che possano emergere sugli altri, cosicchè l'ascolto è omogeneo e tende a ripetersi, ipnotica, la voglia di provare questo album. L'organo è a dir poco fondamentale nello sviluppo delle composizioni, coprotagonista assieme alla chitarra stilosa e devota a Blackmore quanto ai Soundgarden. Che poi ognuna di queste caratteristiche abbia la radice comune nella fervida stagione musicale dell'hard rock dei Seventies è un dato di fatto e sta alla band, più (ed e il nostro caso) o meno abile a mischiare le varie radici, tirar fuori dal cilindro un disco che possa andare oltre quegli anni (e non è il nostro caso). La strada scelta è un passionale compromesso tra grandi ritmi, grossi ma non pachidermici, e tanta anima, come quella messa nella titletrack, memore delle tirate vocali di mostri come il vecchio Chris Cornell o Robert Plant.

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

Lascia un commento

live report

Col

CULT OF LUNA + BRUTUS + A.A. WILLIAMS
Alcatraz - Milano

Sarebbe stato a dir poco entusiasmante poter assistere ad un live dei Cult of Luna assieme a Julie Christmas, i quali hanno costruito insieme quel gioiello che è stato l’album ‘Mariner’. Purtroppo, questa collaborazione si è tradotta i...

Dec 6 2019

2015 Webdesigner Francesco Gnarra - Sito Web