You are here: /

SOULFLY: Archangel

data

20/08/2015
65


Genere: Thrash Groove Metal
Etichetta: Nuclear Blast Records
Distro:
Anno: 2015

Un po' di rispetto, per favore. Non ce la facciamo a vedere uno dei padrini del metal estremo ridotto a straccio vecchio, trattato malissimo per aver tentato la via del nuovo metal negli anni Novanta e ancora peggio oggi mentre si gode una meritata "vecchiaia artistica", benché lo faccia con dischi tutti uguali che -a prescindere dalle varie formazioni- sarebbe meglio definire ad opera di un gruppo solo, poco fantasiosamente chiamato Max e i suoi amici. Così si risparmia ogni perdita di tempo dovuta a cercare di distinguere con difficoltà sempre maggiore tra Cavalera Conspiracy e Soulfly. Stavolta siamo davvero a un punto di non ritorno. E -oltre alla oramai smarrita originalità- è questo l'unico grosso difetto che può addebitarsi a Max e i suoi amici. Quanti gruppi scrivono testi come se fossero stati bocciati tre anni in seconda media e scapocciate lo stesso? Fatelo anche con We Sold Our Souls To Metal, tanti schiaffoni e ignoranza in tutti i sensi. Hanno accorciato i brani, in questa occasione, Max e i suoi amici. Molto bene, quindi, alla luce della interminabile sequenza di canzoni di Savage (che rispetto all'album in esame è meno omogeneo). Se vogliamo fare un paragone, Sodomites corrisponde a Bloodshed ma più concisa e varia. Potremmo continuare a fare questo lavoro per ogni brano, trovare le differenze risoetto a quanto fatto nei nove lavori precedenti (più tre a firma Cavalera Conspiracy), ma sarebbe un lavoro tanto scocciante e pidocchioso... Andatelo a fare con i Motorhead, poi tornate qua. Insomma, niente di nuovo sotto il Sole, il solito groove figlio di Chaos A.D. nelle parti che funzionano meglio e qualche cosina etnica tanto per dare colore, ma quello che si nota è sempre più thrash in your face che riesce a fare effetto solo se non ci metti sopra un ritornello come quello di Deceiver, che è l'equivalente dei peletti sulle labbra quando state per approcciarvi con una donzella. Tornando seri, forse quest'ulteriore indurimento complessivo del sound è dovuto alla solo discreta caratura di Zyon rispetto ai suoi illustri predecesori che avevano una marcia in più? Dategli un ascolto, ma solo se la vostra soglia di sopportazione al Cavalera sound è abbastanza alta. Abbiamo venduto l'anima al metal pure noi ascoltatori, ma quel poco cervello ancora no, quindi continuiamo a prendere con le molle ogni uscita di Max e i suoi amici.

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

Lascia un commento

live report

Aslegend

ARMORED SAINT
Legend Club - Milano

Concerto leggendario! I fortunati che hanno stipato il Legend di Milano si sono goduti una performance encomiabile da parte di Bush e compagni, da parecchio tempo in giro per il mondo e per la prima volta arrivati finalmente anche a Milano. Anima e sudore, gli Armore...

Nov 21 2018

2015 Webdesigner Francesco Gnarra - Sito Web