You are here: /

SORDIDE: Fuir La Lumière

data

20/11/2016
80


Genere: Black Metal
Etichetta: Avantgarde Music
Distro:
Anno: 2016

Ognuno di noi ha subìto dei traumi nell'approccio al metal estremo. Chi non è rimasto sotto shock dopo aver ascoltato per la prima volta i Cannibal Corpse, il 'Live in Leipzig' dei Mayhem o l'apnea nelle frattaglie dei Carcass? Dopo di ciò lo stomaco si abitua, ci si fa il callo. Eppure, ogni tanto il brivido dietro la schiena torna, il terrore primordiale, l'efferatezza è tale da farti trasalire. Questo mi è accaduto un annetto fa quando ascoltai per la prima volta 'La France A Peur' dei Sordide e in particolare il brano conclusivo "Violence", che è stato per il sottoscritto l'equivalente di 'Martyrs' in musica. Mi sono fiondato su 'Fuir la Lumière' sperando di provare le stesse sensazioni negative e di malvagità assoluta, ma ovviamente sapevo più o meno cosa aspettarmi e quindi l'effetto sorpresa, o meglio l'effetto "suicidio a sorpresa", che pur essendo apparentemente un non-sense mi aveva sopraffatto. La lucidità da parte mia però mi ha fatto notare un bel po' di miglioramenti nelle costruzioni di dolore, taglientissime, da parte dei Sordide. Non è solo black metal, ci sono tanti segmenti punkettoni dritti dritti, ma suonati con intelligenza e vicini al d-beat. L'ipnoticità delle chitarre, di arpeggi insistiti e lancinanti, è ripresa in parte da quegli altri mezzi geni dei Void Paradigm (con cui i Nostri condividono il cantante e chitarrista), ma siamo su un livello più ferino ("Trop Tard" è emblematica), meno concettuale e meno cervellotico. Non si va incontro a nulla di prevedibile, se escludiamo qualche prolissità (su tutte la coda del brano finale che dopo tre quarti d'ora poteva essere ben più sintetica), ma è un album che nonostante ciò è pienissimo di suggestioni di ogni tipo. Oltre a quelle già citate, possiamo accennare a evidenti collegamenti sia con la scuola francese più dissonante, sia col post metal (gli umori di "L'Ombre"). Il piatto forte come sempre sono le voci, strazianti e straziate, di molto superiori in quanto a espressività rispetto alla maggioranza dei cantanti in giro oggi. Per dare un riferimento più vicino, è come se gli Young And In The Way sbarcassero in Normandia e facessero un album molto più lungo di quelli che di solito ci fanno ascoltare. Cospargere tonnellate di sale sulle ferite dell'umanità e imporsi tra le migliori uscite black metal dell'anno: i Sordide lo stanno facendo nel modo giusto.

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

Lascia un commento

live report

Omsez

OM
Circolo Magnolia - Segrate (MI)

Esperienze mentali e sensoriali. Questo è ciò che si appresta ad affrontare quando si ascolta un album qualsiasi degli Om, la creatura che Al Cisneros ha creato dopo la prima parte dell’esperienza musicale e discografica con gli Sleep, e che &egra...

Aug 20 2019

2015 Webdesigner Francesco Gnarra - Sito Web