You are here: /

SODOM: Decision Day

data

15/09/2016
75


Genere: Thrash Metal
Etichetta: Steamhammer/Spv
Distro:
Anno: 2016

Ci sono due categorie di gruppi, quelli da cui ti aspetti sempre il colpo di coda a livello di inventiva perchè ne hanno le capacità, e quelli da cui non ti aspetti altro che il solito, solido e distruttivo album. I Sodom fanno parte di questa seconda schiera di band, non perchè non abbiano capacità di scrivere grandi canzoni o di svisare sul tema - basti pensare a 'Agent Orange' o 'Tapping The Vein' - ma perchè si rendono conto che se volessero fare i Voivod della situazione, fallirebbero miseramente, invece se continuano a fare i Sodom, qualsiasi loro album, pur non spiccando per novità, è una piccola gemma che si fa ascoltare godibilmente, e il nuovo 'Decision Day' non fa eccezione. Anzi, pur continuando sulla scia di quel thrash maligno oramai protratto dal dopo 'Obsessed By Cruelty' - meno male diciamo! - trova spunti di particolare groove come in "Rolling Thunder" e "Vaginal Born Evil" - però, che titolone! - di malsana melodia come nella già conosciuta, ma riregistrata leggermente più veloce "Sacred Warpath" o di epicità tenebrosa come in "Caligula", "Strange Lost World" e nella conclusiva - se non si è in possesso del vinile o della versione giapponese, dove l'album si conclude con la ordinaria "Predatory Instinct" - "Refused To Die", dove la metafora della possessione demoniaca viene usata per descrivere il momento maledetto che sta vivendo questo mondo di guerrafondai, imprenditori senza scrupoli e fanatici religiosi. Temi questi che sono sempre stati a cuore al buon Tom, il quale li ha quasi sempre usati in tutte le incarnazioni dei Sodom dall'Ep 'Expurse Of Sodomy' in poi e che sono stati ben raffigurati dall'artwork del grande Joe Petagno; per chi avesse vissuto sotto un sasso durante gli ultimi quarant'anni, questo signore ha lavorato con Led Zeppelin e Pink Floyd, oltre ad essere l'ideatore dello snaggletooth, ovvero la mascotte dei Motörhead e quindi averlo raffigurato su ben dodici album della band di Lemmy e tralasciamo Hawkwind, Nazareth, Krisiun, Satan's Host, Vader, etc...praticamente un sogno che si avvera per Tom, essendo i Motörhead una delle sua maggiori influenze e si sente, non fosse altro per l'uso del basso ed ennesima prova di ciò è l'intro della già citata "Caligula", il cui lyric video è visibile qui di seguito. Ma non dimentichiamoci di Bernemann, oramai il chitarrista più longevo dei Sodom, fautore di un assalto di riff azzeccatissimi e spigolosi, forse i più ispirati dal suo ingresso nella band vent'anni fa e di una serie di assoli di gusto, che non sfigurerebbero in dischi molto meno violenti, ma questo è un album dei Sodom, non della sua ex band, i Crows ed allora, guidati anche dalle mazzate sferrate dall'ottimo Makka, il miglior percuotipelli che Angelripper abbia avuto dopo il devastante Atomic Steif, lasciamoci frantumare i padiglioni auricolari per l'ennesima volta grazie anche ad una prestazione vocale al limite dello screaming black da parte dello stesso ragazzone della Ruhr, uno che di compromessi non ne vuol sentir parlare e con 'Decision Day' - sicuramente uno dei migliori album thrash degli ultimi dieci anni - ce lo ribadisce ancora e con la forza che lo accompagna oramai dal 1981!

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

  • Frago

    Un po' insipido, come il precedente. I Paradox li hanno stracciati col loro Pangea.

Lascia un commento

live report

Rhps sez

THE ROCKY HORROR...HALLOWEEN
Parioli Theatre Club - Roma

Roma. E’ la sera di Halloween. Appena arrivata al Parioli Theatre Club si respira già l’aria di festa: molti nel pubblico sono mascherati e c’è un gruppo del Fan Club Ufficiale. The Rocky Horror Erotic Dream: Conosco lo spettacolo, lo ...

Nov 16 2019

2015 Webdesigner Francesco Gnarra - Sito Web