You are here: /

REIGN OF FURY: World Detonation

data

18/02/2013
85


Genere: Thrash Metal
Etichetta: Mosh Tuneage
Distro:
Anno: 2012

Come è bello ricredersi su un gruppo! Prendete copertina e monicker di questi Reign Of Fury: chi mai poteva aspettarsi qualcosa di diverso da un thrash ultra derivativo, dalla qualità direttamente proporzionale alla originalità dell'artwork? Eppure passati i tre interminabili minuti (superflui, suvvia) della introduzione, è -letteralmente- tutta un'altra musica. Se poi teniamo in considerazione che si tratta solo di un esordio, si capisce che questi ragazzi inglesi possono arrivare davvero in alto. Di thrash che copia Megadeth ed Exodus non ce n'è traccia, anzi, possiamo ben dire che lo spirito di quelle band gloriose è stato pienamente attualizzato e quella che abbiamo tra le mani è una macabra e inesorabile marcia a tutta velocità in un mondo post conflitto atomico, con la atleticità dei Gama Bomb ma con molta, moltissima più sostanza. 'World Detonation' è un disco che nella sua densità fa trovare perfettamente posto ad ogni idea, non tende a ripetere schemi per riempire dei minuti vuoti (chi ha detto 'Th1rt3en' dei Megadeth?). Grande ordine, quindi, pulizia nel sound, ma senza perdere di vista l'impatto e la dinamica dei vari momenti dei brani. Molti sedicenti "fenomeni" del metal odierno non saprebbero costruire frecciate decisive come le canzoni qui contenute, deliziate da un ottimo cantante, che tiene costante la tensione nell'ascolto: pulito in prevalenza (alla Hetfield, ma la voce è assomiglia più a quella di un John Bush molto più giovane), con punte di growl e scream. Già uno scoglio è superato con agilità, visto che con un cantante del genere praticamente è possibile tutto. Infatti, proprio per questo, si spazia in ogni ramo del thrash, nel modo in cui si è intravisto fare dai Trivium in 'Shogun', ma lì non c'era convinzione e si volevano raggiungere i Metallica, stop. Anche qui ci sono pezzi che ricordano i Four Horsemen, soprattutto la struttura di "Battery", e la fucilata speed "Born To Die" fa venire in mente una versione mosh di "Motorbreath". La molteplicità di influenze fa sì che ogni minuto sia fresco e arrembante, con costanti suggerimenti da parte delle asce, che si lanciano in assoli a rotta di collo senza sembrare casuali, anzi, tenendo progressioni di accordi e scale tipiche del genere, ma velocizzate e portate all'estremo con gusto NWOBHM. I cori di "Vile Deception" hanno come contraltare l'intro melodica dellla medesima canzone, non si ha paura di far convivere i migliori Anthrax e Iron Maiden, ma i pezzi da oltre otto minuti sono quelli che fanno capire la statura dei Reign Of Fury, riuscendo ad incarnare la cattiveria degli Slayer ad architetture che i Metallica di 'Death Magnetic' non hanno saputo sfruttare a pieno.

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

Lascia un commento

live report

Dhoa1

DARK HORIZON OPEN AIR 2020
Gartenfelder Strasse 28 - Spandau, Berlino

Il weekend partito il 10 luglio era stato pensato per il Castle Party di Bolkow (Polonia) che pareva avrebbe avuto luogo nonostante tutta la situazione relativa al coronavirus. Anche il Castle Party ha infine rimandato all'anno prossimo come cosi tanti altri fest...

Jul 22 2020

2015 Webdesigner Francesco Gnarra - Sito Web