You are here: /

PENTAGRAM: First Daze Here Too

data

15/09/2016
85


Genere: Doom Hard Blues
Etichetta: Relapse Records
Distro:
Anno: 2006/2016

Quello che avevamo detto in occasione della reissue del primo capitolo di 'First Daze Here' può in linea di massima essere ripetuto. Il batterista di allora, Geof O'Keefe, ha curato anche questa raccolta di pezzi dei "vecchi" Pentagram che stavolta tocca persino il 1972, ossia il secondo anno di vita della band di Bobby Liebling nel secondo cd, dove però la qualità dell'incisione è sensibilmente peggiore trattandosi di registrazioni effettuate addirittura nel magazzino postale di Alexandria in Virginia. Questo secondo volume è originariamente uscito nel 2006, ed ora viene ripubblicato assieme al primo capitolo, anch'esso rieditato e rimasterizzato da Brad Boatright agli Audiosiege di Portland nell'Oregon, e vede nel primo cd delle versioni di pezzi già conosciuti come la cover dei Rolling Stones "Under My Thumb" in cui Bobby dichiara il suo amore per il rock'n'roll immedesimandosi in Mick Jagger con successo, e la stessa cosa fa con "Teaser", classico pezzo di hard'n'roll in stile primi Kiss in cui interpreta il brano come lo avrebbe fatto Gene Simmons. A questo proposito vale molto l'acquisto del doppio cd anche per capire come si è evoluta la storia dei Pentagram in quegli anni, grazie al libretto molto esaustivo in cui il drummer racconta quanto sia fantasiosa la storia che Paul Stanley ed il suo pard avrebbero voluto acquistare "Starlady" e "Hurricane" pagando in tutto 20000$, quando andarono ad ascoltare i Pentagram in sala di prova, ma anche il travagliato rapporto con il carismatico, ma lunatico singer che ha portato allo scioglimento della band nel 1976, tutto questo e molto altro viene raccontato per filo e per segno, dettagliatamente, da Geof O'Keefe, citando qua e là gli altri compagni Vince McAllister, Greg Mayne, Randy Palmer e Marty Iverson. Insomma, 'First Daze Here Too' è valido quanto e forse più del primo capitolo e dobbiamo dire grazie alla mega attiva Relapse per aver cancellato le ingiustizie che non hanno mai permesso ad una grande band, non ancora capostipite del doom, ma già matura e con un chitarrista quale il povero McAllister in stato di grazia, di fare la storia dell'hard rock, e se qualcuno avesse ancora qualche dubbio vada ad ascoltare la poderosa "Show'em How" in coda al secondo cd, purtroppo penalizzata da un'incisione su nastro ad un solo canale, ma con un assolo a chiudere che toglie qualsiasi perplessità!

P.S.: Come per il primo volume, anche questa compilation può essere ascoltata interamente al link di Bandcamp qui di fianco.

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

Lascia un commento

live report

Mdslide

METAL DAYS - WEEKEND OF SOLACE
- Tolmin

Il festival Metal Days era stato cancellato, ma gli organizzatori, con minimo preavviso, visto l'opportunità di organizzare qualcosa di simile e forti di 2000 potenziali adesioni richieste via web entro una certa data per portare avanti il processo organiz...

Sep 23 2021

2015 Webdesigner Francesco Gnarra - Sito Web