You are here: /

OV HOLLOWNESS: The World Ends

data

03/04/2013
62


Genere: Black Metal
Etichetta: Code 666
Distro: Aural Music
Anno: 2013

Ci riprova la one man band canadese. Non si può dire che cerchi la gloria dai dischi passati, ma è un continuo percorso verso qualcosa di diverso e -a suo modo- interessante. Ov Hollowness: progetto che già da copertina e titolo dell'album ci immette in una situzione al crocevia tra Matrix e qualcosa di più psicotico. 'The World End' è un infinito flusso di emozioni scaturite dalla chitarra di Mark, e anche se potrebbe sembrare una semplificazione dell'intero album, è tutto il il succo della release. Drum machine meccanica e ordinata (mai uno spunto d'eccellenza però) tanto che siamo in dubbio se considerare il flavour industriale volontario o meno. Dai precedenti cd, l'abbandono del depressive black è oramai vicino, relegato a qualche sezione decadente e gelida. E qui sta il problema: quando si parte col blast beat non c'è anima e ci si perde in power chord estenuanti, fissi, ripetuti per dieci, venti secondi a volte. Molto meglio quando si rallenta e riesce ad uscire fuori un ottimo brano come "Hoarfrost", con la lead guitar finale sugli scudi. Lo scream si assesta su tonalità medie, senza infamia e senza lode, come nelle passate uscite mai invadente e in secondo piano rispetto al resto. Si sente che con qualcuno di più convinto il risultato sarebbe stato migliore. Inoltre la capacità di sintesi sembra essere totalmente estranea agli Ov Hollowness, visto che un'ora e un quarto sfiancherebbe chiunque e ne sarebbe bastata francamente la metà dei vari riff, voci pulite e stacchi interminabili. Ad esempio la titletrack ha molto di buono nella seconda metà dei suoi dieci minuti, ma per arrivare ai cambi di ritmo e al concitato frangente più magnetico ce ne vuole di pazienza. I brani, pur avendo peculiarità, non emergono rispetto agli altri, per l'omogeneità del feeling che trasmettono. Al massimo, come già anticipato, si può evitare quelli veloci e concentrarsi su quelli che riescono a tener alto il vessillo dell'ispirazione ("End In View").

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

Lascia un commento

live report

Appunti01

EDITORS
Atlantico - Roma

Fino a metà carriera gli Editors ci avevano abituato ad essere definiti i figli minori dei Joy Division grazie alle sonorità mutuate dalla band di Ian Curtis, dalle quali, già dal 2009 dopo l'uscita di "In This Light and on This Evening&...

Feb 19 2020

2015 Webdesigner Francesco Gnarra - Sito Web