You are here: /

LIBER NULL: I - The Serpent

data

09/12/2016
70


Genere: Black Metal
Etichetta: Osmose Productions
Distro:
Anno: 2016

Liber Null: a pelle mi aspettavo qualcosa di ritualistico e mefitico, nello stile degli Urfaust magari. E infatti le prime battute portano anche a pensarlo, ma invece il debutto di questa nuova band ci svela il lato più vicino allo swedish black metal di Thorns (Gionata Potenti). Il batterista toscano ha un curriculum impressionante che parla da sé (solo per citare le uscite di quest'anno: Darvaza, Frostmoon Eclipse e Martrod) per cui se avete bisogno di dare un'anima al vostro album, anche registrato in solitaria, sapete chi può far salire di livello le canzoni. Qualsiasi pezzo viene nobilitato dal suo trattamento, inclusi quelli contenuti nel disco in oggetto: un sostrato abbastanza grezzo e lupigno, lontano sia dall'originalità di altre creazioni dello stesso Potenti, sia da degeneri mix con shoegaze e post rock. I nomi che vengono alla mente con più insistenza sono i Marduk e i Watain, soprattutto per un modo epico e viscerale di interpretare voce e riff. Qualche reminiscenza dei Deathrow, quando i ritmi sono più lenti, si può rinvenire in "Dereliction", ma il mood generale è diverso, più teso e affilato. Magari i Setherial suonassero così. Magari i Dark Funeral riuscissero ad avere delle spinte di ispirazione come quelle contenute in 'I The serpent', che non cambia le regole, ma dimostra di conoscerle alla perfezione e di riuscire a proporci sei brani decisamente lunghi senza stancare minimamente durante l'ascolto. Vincente risulta l'ampio respiro della canzone di apertura, che mette in luce tutte le capacità del trio italo/olandese, alla perenne ricerca delle intuizioni meno sputtanate, in un contesto tutto sommato con poco spazio per ulteriori evoluzioni. In attesa dei Fides Inversa e magari anche dei Blut Aus Nord, sempre per restare nell'ambito di progetti a cui partecipa anche Potenti, i Liber Null sono un valido gruppo il cui basso profilo pubblicitario e mediatico non deve trarre in inganno, né essere ignorato dai più morbosi fan del black metal.

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

Lascia un commento

live report

Lita ford slaughter club

LITA FORD
Slaughter Club - Paderno Dugnano (MI)

Corpetto in pelle nera e chitarra (la fedele BC Rich Russian Vodka che è comparsa in molti video clip) a tracolla: nonostante i suoi 62 anni, Lita Ford dimostra una grinta invidiabile, ma soprattutto una gran tenuta fisica e vocale da far invidia anche alle pi...

Jan 29 2020

2015 Webdesigner Francesco Gnarra - Sito Web