You are here: /

LECTERN: Precept of Delator

data

08/11/2016
75


Genere: Death Metal
Etichetta: Via Nocturna
Distro:
Anno: 2016

L'invidia è una brutta bestia. Poco dopo aver confermato i Lectern nella line-up del festival di Hardsounds.it in programma a novembre, noto diversi pareri (virtuali, non essendo stabilito in zona capitolina) che lasciano trasparire un certo fondo acidulo, più o meno forte a seconda che provenga da semplici metallari o da musicisti. La pietra dello scandalo - e per molti della vergogna - riguarda sostanzialmente l'ideologia fortemente satanica della band. Non entro nel merito della questione perché i Lectern hanno risposto già nel miglior modo possibile: con il death metal. Sì, potrete anche pensare che sono ridicoli, che sono delle macchiette, ma nulla cancellerà i due recentissimi album che hanno intasato gli impianti stereo di chi veramente ama il genere. 'Precept of Delator' ha una marcia in più del suo già ottimo predecessore. Si abbassano le accordature degli strumenti, si inglobano influenze ancor più estreme e si fa un grosso passo in avanti dal punto di vista della personalità. Non è il solito disco brutal che uscirebbe oggigiorno, quelli bisognerebbe prenderli e scioglierli nell'acido. Le radici sono salde nella vecchia scuola e vengono da più parti, proprio per non tediare l'ascoltatore con qualcosa di semplicemente banale, o uguale a se stesso. L'atmosfera che si respira è quella iconoclasta e infernale dei Deicide, e in alcuni punti anche la voce di Bava richiama il tono usato nei primi album del combo. I modi di fare sono diversi, non c'è velocità estrema, anzi, si può dire che la modulazione dei rallentamenti ha reso il disco ancor più dinamico. I riff ruspanti e diversi pattern di batteria sono ripresi dai Cannibal Corpse epoca 'Bloodthirst'/'Gore Obsessed', con due piccoli inserimenti qua e là che nobilitano le parti più pesanti: un po' di groove Obituary e soprattutto la botta dei primi Suffocation e Internal Bleeding. Fare il nome di una traccia invece che un'altra è difficile perché la qualità media è sempre elevata. Forse solo la conclusiva "Discorporation With Feral" dà l'impressione di protrarsi per un minuto di troppo e con meno verve del solito. Non so se i detrattori avranno ancora molto da ridere dopo l'ascolto di anche solo una di queste canzoni. Io la chiamo prova di forza.

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

Lascia un commento

live report

Metalitalia festival 2018sez

METALITALIA.COM FESTIVAL
Live Club - Trezzo sull'Adda (MI)

Uno degli eventi metal più riusciti negli ultimi anni sul suolo italiano vede all’organizzazione principale dei colleghi di stampa musicale, quale è la storica webzine Metalitalia.com, che in ogni edizione disputata all’interno del Live Club...

Sep 24 2018

2015 Webdesigner Francesco Gnarra - Sito Web