You are here: /

LASCAR: Absence

data

28/12/2016
50


Genere: Post Black Metal
Etichetta: A Sad Sadness Song
Distro:
Anno: 2016

Si torna sul luogo del delitto (A Sad Sadness Song), con la stessa arma del delitto (il post black metal). Cambia il risultato però, rispetto al trionfale primo disco dei Falaise. Come allora, l'etichetta nostrana riprende brani pubblicati nei mesi precedenti all'uscita ufficiale in via autonoma e li riversa su supporto fisico degno di nota. Il progetto Lascar è condotta da un solo uomo e dagli ascolti di 'Absence' emerge tutta la solitudine compositiva, l'assenza di alter ego e interfaccia nella creazione dei brani. In sostanza non c'è una minima variazione dall'inizio alla fine. Eppure si sarebbe dovuta sentire poiché i pezzi realmente nuovi sono i primi quattro, mentre i rimanenti costituiscono un EP dello scorso anno chiamato 'Dephts'. Non si vuole certo una produzione scintillante o chissà quali straordinarie evoluzioni tecniche (assenti giustificate entrambe), ma semplicemente un minimo di vivacità e di consapevolezza dello spazio che si sta ingombrando nel mettere alla luce siffatte canzoni. Sembra che Gabriel Hugo abbia nella sua tavolozza i soli due colori del nero (come il metal da cui prende spunto) e il bianco (degli sprazzi melodici che vorrebbero avere qualcosa a che fare con lo shoegaze), e li ripropone senza sosta, dando l'impressione che la ripetitività sia qualcosa di accostabile al "depressive", ma che di depressivo non ha proprio nulla, se non l'effetto negativo sugli ascoltatori. In Cile evidentemente non è arrivata la celebre pubblicità che ancora oggi fa scuola qui da noi: Lascar ha un pennello grande e a tratti grossolano nelle traiettorie costruite, ma è lontano dall'essere un grande pennello che sapientemente non tedia l'ascoltatore. Qui la corda non è solo tirata troppo, si spezza dopo pochi minuti dall'inizio di ogni canzone. L'attenzione prende il largo verso lidi lontani da questo ortodosso tributo verso effetti e atmosfere presi con la forza da Wolves In The Throne Room e Woods of Desolation. Azzoppante monotonia in un esordio da rivedere su molti fronti.

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

Lascia un commento

live report

Tangerine dream new line up

TANGERINE DREAM
Auditorium San Domenico - Foligno (PG)

Nell’ambito della rassegna 'Dancity' (come chiarisce il titolo stesso perlopiù votata alla musica dance), arrivata alla 12° edizione, il giorno 24 agosto abbiamo scoperto una cittadina di raggiante bellezza, vitale, piena di locali e di gente...

Oct 16 2018

2015 Webdesigner Francesco Gnarra - Sito Web