You are here: /

JAGUAR: Power Games

Diss063cdd

data

05/06/2017
85


Genere: Heavy metal
Etichetta: Dissonance Productions
Distro:
Anno: 1983-2017

Nel 1983 si stava compiendo una delle trasformazioni della NWOBHM, i gruppi che non avevano ancora pubblicato nulla subivano sempre di più l'influenza punk, flebile nei grandi nomi già affermati - Iron Maiden, Saxon, Angel Witch - e sull'onda dell'emergente thrash metal americano band come i Jaguar, estremizzavano la proposta ingrossando il roster del nascente speed metal. Dopo aver pubblicato con un cantante diverso, il singolo 'Back Street Woman' nel 1981 ed aver così ottenuto l'interesse dell'allora attivissima Neat Records, pubblicano il folgorante esordio nel Marzo di quell'anno, spingendo il piede sull'acceleratore come pochi avevano fatto fino a quel punto, se si escludono i compagni di etichetta Venom. Ora l'altrettanto attiva Dissonance Productions, stampa l'ennesima versione di 'Power Games' in formato Digipak, mentre il vinile è ancora a cura della Back On Black; si tratta dell'undicesima versione di questo album tra lp, cassette e cd, ma si tratta anche di quella più curata nei dettagli soprattutto a livello di audio, i volumi sono ben equilibrati, mentre nell'originale la chitarra tendeva a coprire un pò tutto a causa dell'altezza a cui erano stati mixati gli alti con la conseguenza che il basso spariva e la batteria risultava secca, appiattendo ulteriormente un suono di per sè già "schiacciato", così l'opera di restauro da parte dell'etichetta dell'Oxfordshire ci consegna un vero pugno in faccia, figlio dei tempi ok, ma ripulito e ben oliato in modo che schegge impazzite come l'inno "Dutch Connection", "The Fox", "No Lies", "Coldheart" e compagnia speed, devastino l'ascolto di chi già conosceva la band di Garry Pepperd, come anche di chi solo ora si avvicina a gustarne i frutti. Ma attenzione, non c'è solo urgenza speed, le nebbie della NWOBHM non erano ancora diradate, "Master Game" piena di pathos, "Run For Your Life" classicamente metallica e "Prisoner" dalla ritmica terremotante sono lì a dimostrarlo, interpretate da Paul Merrel in maniera sentita come solo certi cantanti apparentemente sgraziati di quegli anni sapevano fare ed impreziositi da gli ottimi assoli di quello che tuttora rimane l'unico membro originale dei Jaguar, ossia il già citato Garry Pepperd che dimostra anche ottime doti di songwriter fantasioso, si ascolti ad esempio "Rawdeal", dove si intravede quell'approccio più hard che avrebbe caratterizzato il successivo, disastroso a parere di chi scrive ma non solo, 'This Time'. Questa versione è arricchita con tre bonus tracks, i primi due brani componevano il singolo 'Axe Crazy' del 1982, ossia l'ennesima scheggia impazzita che dava il titolo al 45 giri e la cadenzata e cupa "War Machine", mentre la conclusiva "Dirty Tricks" era originariamente contenuta nella raccolta in cassetta '60 Minutes Plus Heavy Metal Compilation' sempre dello stesso anno, una goduria e non solo per chi alla voce "età" si ritrova oramai una cifra che termina per anta...

P.S: I pezzi qui di seguito non sono rimasterizzati, ma servono solo a scopo dimostrativo, ossia farvi capire quanto "mazzulavano" i Jaguar!

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

Lascia un commento

live report

Aerosmith2

AEROSMITH
Ippodromo del Visarno - Firenze

L’Aerovederci Tour sbarca così anche a Firenze il 23 giugno, capoluogo di altri importanti festival di quest’anno. Gli Aerosmith sono tornati nel nostro Paese per far divertire e far cantare il pubblico in una sera d’estate fiorentina in occa...

Aug 15 2017

2015 Webdesigner Francesco Gnarra - Sito Web