You are here: /

HUMAN SLAUGHTERHOUSE: Trickle Down

data

01/04/2016
58


Genere: Death Metal
Etichetta: Unsigned
Distro:
Anno: 2015

Puglia e death metal: un binomio che sta dando tanti frutti alla scena italiana. Capita che ci si imbatta però in prodotti ancora un po' acerbi, come nel caso degli Human Slaughterhouse, al secondo EP e - lo abbiamo appreso qualche giorno fa - vittima di un furto in casa di uno dei componenti che ha tagliato loro le gambe (forza ragazzi, tenete duro). 'Trickle Down' è puro death metal con influenze a metà strada tra la scuola polacca e quella del brutal americano. Infatti, il riff portante di "Left to Shred", dopo l'introduzione "Nevrosi" (che tra l'altro è l'unica parentesi con carattere introduttivo o di intermezzo davvero significativa, a differenza di "Hallucinosis" e "Ritual"), si tiene in bilico fino all'esplosione di batteria, che invece fa pendere la bilancia dal lato di Vader e Decapitated. Se il riffing quindi è interessante dall'inizio alla fine della canzone, ci sono invece problemi per quanto riguarda la batteria: a livello di registrazione è abbastanza confusa e ogni tamburo suona troppo simile all'altro, in parte oscurando il buono e brutale lavoro dietro il drum kit di Claudio Peragine. Ottimo il growl di Giovanni Lefemine, violento al punto giusto e molto adatto allo stile voluto dai Nostri. Nel prosieguo è la chitarra che invece si perde un po', insistendo troppo su riff con poco mordente, per esempio con la melodia principale di "Out Of The Wounds" e nella parte centrale di "The Lurking Worm", che pure nel suo cuore da Cannibal Corpse di inizio anni Duemila non è male. Nella sua compattezza è "Your Grief Lives Among The Dead" il pezzo migliore perché ribadisce in modo ineccepibile la voglia di emergere dei Nostri, quella che nei precedenti tasselli non era balzata subito all'occhio e all'orecchio. Una varietà più spiccata nelle canzoni e stacchi più audaci (ce ne sono già alcuni, per esempio in "The Lurking Worm": bisogna ripartire da lì) sono gli accorgimenti che ci sentiamo di indicare a questa squadra di deathster, che speriamo torni presto con una rabbia ancora maggiore e soprattutto con un'esperienza tale da poter evitare alcune debolezze che non si addicono a una formazione che ha alle spalle già un paio di pubblicazioni.

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

Lascia un commento

live report

Lordofthelost 26gennaio2019

LORD OF THE LOST
Exenzia - Prato

A distanza di un anno dalla loro ultima visita in terra nostrana, i Lord Of The Lost scelgono Prato come unica data italiana per far ripartire il tour di Thornstar, ultima fatica in studio della band di Amburgo uscito lo scorso agosto. Ad aprire le danze, i J...

Feb 13 2019