You are here: /

HIDEWEAVER: Silver Bullet

data

11/08/2012
82


Genere: Melodic Metal
Etichetta: Unsigned
Distro:
Anno: 2012

Ululati. Una porta che scricchiolando si chiude. Uno sparo (sicuramente di un proiettile d'argento). Le tastiere ammalianti introducono la notte di luna piena degli Hideweaver. Niente emo-vampirismi che vanno tanto oggigiorno, con una grandissima eleganza il gruppo propone una originale e nobile miscela di heavy metal e AOR suonata con la tecnica del prog e di chi potrebbe benissimo inondare le canzoni di tecnica, ma non lo fa sapendo che il troppo storpia e in fondo è difficile migliorare certe composizioni incluse in 'Silver Bullet'. Prendiamo la titletrack ad esempio che rappresenta il perfetto biglietto da visita del disco, se la strofa sembra calda, tuttavia è il ritornello che si supera, condito da tastiere che proiettano raggi di luna e ci portano dove i Journey sapevano emozionare. La voce è particolare, più adatta al rock adulto che al metal, o al prog rock, non certo perfetta (lo si sente in "Opus Die", in cui affanna leggermete dietro la struttura rocciosa e frenetica del pezzo), ma dà il suo meglio nella luccicante "The Same Old Song". In breve in questo pezzo gli Hideweaver fanno mangiare la polvere ai sedicenti gruppi che fanno i maturi con una prestazione di una delicatezza melodica sui livelli dei primi Dream Theater (assolo magnifico), senza rinunciare alle chitarre dure in ogni caso. Anche i pezzi più heavy si piazzano aristocraticamente al di sopra delle uscite medie, il genere è talmente particolare che non riesci ad afferrarlo, ma intanto la potenza melodica di ogni frammento di 'Silver Bullet' è penetrata per bene nel cervello e nel cuore soprattutto. Giusto "Wait Until The Dark" sfigura rispetto al resto dei brani, a causa della sua struttura più semplice che fa avvicinare l'ombra dei Poodles. L'omogeneità dell'album è preservata da uno stile assolutamente inconfondibile, che si tratti di cavalcate power metal o irregolari canzoni dai ritmi cangianti strofa dopo strofa: le chitarre anfibie si tengono aggressive, ma aggraziate, la tastiera supera i confini strettamente musicali, e in "Of Beauty And Vanity" introduce l'assolo di chitarra disegnando paesaggi incantevoli e magici. Eppure tutto è molto naturale e spontaneo, la colonna sonora di un incantesimo. Sfumature d'ogni tipo accolgono "Shades", in cui strati di polvere di stelle si materializzano e fanno ciao-ciao alle miriadi di band power metal che hanno provato a comporre un'intro così suggestiva, per non parlare poi del ritornello che mette alla prova l'ugola del cantante. Quanta bellezza in questi veri e propri inni al dandismo musicale.

MANY DESKTOP PUBLISHING PACKAGES AND WEB PAGE EDITORS NOW USE Reviewed by Admin on Jan 6 . L'Amourita serves up traditional wood-fired Neapolitan-style pizza, brought to your table promptly and without fuss. An ideal neighborhood pizza joint. Rating: 4.5

Commenti

Lascia un commento

live report

16729532 10155212891844925 3954847479024016350 n

HARDSOUNDS FESTIVAL 2017
Traffic Live - Roma

Roma, 13 ottobre 2017. Per quest’anno si è voluto fare le cose in grande per l’organizzazione dell’Hardsounds Festival. Il supporto organizzativo dato da figure quali eRocks Production, MVO Concerti ed Hellfire Booking Agency ha fatto in modo...

Oct 19 2017

2015 Webdesigner Francesco Gnarra - Sito Web